Benjamin Fulford – Aggiornamento 05/05/2015

Benjamin Fulford – Aggiornamento 05/05/2015

Caos negli Stati Uniti mentre si avvicina il fallimento della Fed
Il caos sta crescendo negli Stati Uniti mentre la fazione statunitense della Federal Reserve controllata dai kazariani continua ad essere evitata dalla maggior parte del mondo.
 In risposta, i Kazarians stanno disperatamente cercando di provocare disordini razziali o comunque spingere alle armi i cittadini degli Stati Uniti per combattere le forze armate federali e della polizia. Allo stesso tempo, le forze armate americane e le agenzie si stanno muovendo contro Israele e i loro delegati kazari con sede negli Stati Uniti, in particolare contro le famiglie criminali Bush/Clinton/Rockefeller.
In quello che fonti del Pentagono dicono essere un messaggio diretto alla famiglia Rockefeller, Dave Goldberg, il Chief Operating Officer di Facebook, è morto in circostanze misteriose a 47 anni la
scorsa settimana.
http://www.nytimes.com/2015/05/03/business/dave-goldberg-47-surveymonkey-chief-and-sheryl-sandbergs-husband-dies.html?hpw&rref=obituaries&action=click&pgtype=Homepage&module=well-region&region=bottom-well&WT.nav=bottom-well&_r=1
Facebook è di proprietà di Mark Zuckerberg, nipote di David Rockfeller. 
Fonti del Pentagono dicono che questo è stato un messaggio da parte delle forze armate per gli oligarchi della Silicon Valley, a significare che da ora in poi l’industria dell’alta tecnologia in California sarebbe sotto il controllo militare.

Per comprendere la lotta di potere frenetico che si sta svolgendo negli Stati Uniti, vale la pena di dare un altro sguardo alla storia segreta dietro il fallimento continuo del governo corporativo degli Stati Uniti. 
Più di questo è stato rivelato in una riunione della scorsa settimana tra i rappresentanti della società del Drago Bianco e i membri della famiglia reale cinese.
 I reali cinesi hanno presentato prove documentali che costringeranno a riscrivere la storia del 20° secolo. 
I documenti descrivono accordi segreti tra presidenti degli Stati Uniti Franklin Roosevelt e Harry Truman, il nazionalista cinese Chiang Kai-shek e i membri della famiglia reale Manchu. 
I documenti mostrano come Roosevelt, Truman e il Segretario di Stato George C. Marshall, nel corso del tempo, hanno portato 20 navi cariche di oro dei Manchu negli Stati Uniti e fraudolentemente hanno utilizzato i lingotti per finanziare il New Deal di Roosevelt e il piano Marshall.
L’oro è stato portato negli Stati Uniti a partire dal 1930 sotto la promessa che sarebbe stato utilizzato per finanziare lo sviluppo di Asia orientale e la creazione di una federazione che comprenda la Manciuria, la Cina, la Corea e il Giappone, secondo quanto hanno detto le fonti della famiglia reale. Gli americani ha anche dato ai Manchuriani le matrici per consentire loro di stampare dollari.

I due eredi attuali dell’oro Manchu sono Kim Young Hee (金 英 姫) e Zhang Sheng Zhi? (張勝 植). Essi sostengono che ci sono stati numerosi tentativi di ucciderli e sostituirli con sosia, come misura di sicurezza, hanno chiesto che le loro foto fossero pubblicate
Fotografie delle loro orecchie sono state prese come ulteriore precauzione.
Il motivo per cui queste due persone affermano di essere inseguite è che hanno i diritti legali per oro del valore di circa 30 trilioni di dollari.

Quello che sta accadendo è che, al più alto livello della finanza globale, carta e numeri scritti sui computer della banca non sono accettati come valuta. 
I proprietari della filiale statunitense della Federal Reserve (Bush / Clinton / Rockefeller, ecc) sono invitati a pagare i debiti contratti con il resto del mondo in oro. 
Per questo motivo sono disperati e cercano di rivendicare una quota fraudolenta all’oro Manchuriano che hanno rubato tanti anni fa (e hanno da tempo utilizzato). 
Essi non capiscono che il mondo intero ne ha abbastanza ed è stanco delle loro buffonate criminali.
In effetti, guardare attraverso una lente d’oro getta una nuova luce su molti eventi della storia recente. Prima di tutto, lo shock Lehman del 2008 è avvenuto perché il governo aziendale degli Stati Uniti non è riuscito a effettuare un pagamento in oro che era dovuto. 
Il che ha portato ad una estromissione temporanea del mercato americano. 
Il governo corporativo americano poi è riuscito a ottenere un prestito di grandi quantità d’oro dalla fazione asiatica della dinastia Ming con la promessa che Barack Obama sarebbe divenuto presidente e gli Stati Uniti sarebbero cambiati.
Dopo le azioni di Obama ha dimostrato di non essere migliore di George Bush Jr., l’oro Ming è stato prosciugato.
 La cabala statunitense ha inscenato eventi e da allora hanno continuato a cerare oro e finanziamenti.

Il movimento della camicia rossa in Thailandia, per esempio era davvero finalizzato ad ottenere la custodia della grande scorta storica dell’oro reale tailandese. Anche le “primavere arabe” in Tunisia e in altri paesi arabi avevano lo scopo di saccheggiare l’oro che questi paesi possedevano. 
L’invasione del Mali è stata organizzata per prendere le miniere d’oro presenti lì. 
L’attacco tsunami e il terremoto di Haiti aveva anche lo scopo di impossessarsi dei diritti di estrazione dell’oro.
 L’invasione della Libia è stata un tentativo infruttuoso di rubare l’oro del colonnello Muammar Khadaffi.
 Il 11 marzo 2011 lo tsunami e il terremoto attacco Giappone aveva lo scopo di estorcere l’oro imperiale giapponese.

Così ora, i cabalisti sono freneticamente cacciando i reali con la pretesa di ottenere oro. 
La ragione per cui il regime di Obama è improvvisamente strisciato in Iran così vigorosamente è perché lo scrigno d’oro storico persiano vale 46.000 miliardi dollari, secondo l’attuale erede al trono persiano. 
Gli iraniani hanno risposto a questa prostrazione da parte degli Stati Uniti accusando pubblicamente il governo degli Stati Uniti per l’11 Settembre e raccontando molte altre verità.
 In ogni caso, gli eredi della fortuna persiano hanno reso perfettamente chiaro ai cabalisti che non potranno mai mettere le mani sul loro oro.
Un recente nuovo indicatore del vasto boicottaggio mondiale contro i cabalisti kazari con sede negli Stati Uniti è stato il rapporto della National Association di Credit Manager secondo cui le domande di prestito degli Stati Uniti che hanno avuto successo a partire dalla fine di marzo sono diminuite di oltre il 40% anno su anno.
 Il calo è quasi interamente dovuto a un arresto di crediti commerciali, secondo l’associazione. Il governo degli Stati Uniti in seguito li ha costretti a “rivedere” questa brutta verità.
Tuttavia, il fatto che più di 6000 negozi al dettaglio degli Stati Uniti sono stati recentemente chiusi illustra come il governo corporativo degli Stati Uniti e dei loro schiavi del debito americani non possono più prendere in prestito soldi per comprare gingilli dal resto del mondo. 
Un altra prova del collasso economico statunitense più grande di Lehman può essere trovata qui:
Ecco perché mob vengono pagati con denaro fasullo della Fed per cercare di avviare guerre razziali a Ferguson, Baltimora, Seattle e altrove. 
I federali sperano di utilizzare i disordini per innescare una guerra civile, al fine di distogliere l’attenzione dai loro problemi.
In ogni caso, questi tentativi sempre più maldestri da parte di agenti cabala di iniziare rivolte razziali, promuovere gli attacchi contro i militari e diffondere confusione nei media alternativi sono tutti segni di disperazione.
La disperazione sta diventando palpabile ora a causa di quello che è appena accaduto in Arabia Saudita, una delle ultime fonti di denaro le fazioni US khazari. 
Il Pentagono e gli iraniani hanno costretto il nuovo re saudita Salman a licenziare il principe ereditario Muqrin e Saud Al Faisal (che è stato ministro degli esteri saudita per gli ultimi 40 anni). Sono stati licenziati al fine di rimuovere l’influenza Bush dal regime saudita e per forzare la fine degli attacchi contro lo Yemen, secondo quanto dicono fonti del Pentagono.
 Le fonti del Pentagono dicono che stanno ancora seriamente pensando di allearsi con gli Houthi yemeniti per effettuare un cambio di regime completo in Arabia Saudita.




Commenti

Post più popolari