Volo Germanwings esploso in volo-esistono le prove e sono quasi ufficiali

Volo Germanwings esploso in volo-esistono le prove e sono quasi ufficiali

Secondo un rapporto del ministero della difesa di Mosca, ripreso da “ReteNews24”, il velivolo è esploso in volo, prima ancora di finire contro le montagne.
L’aereo della Germanwings schiantatosi il 24 marzo sulle Alpi francesi (volo 9525) non è stato “dirottato dal co-pilota suicida”, come raccontato dalle fonti ufficiali e quindi dai media, né abbattuto da jet francesi nel timore di un attacco kamikaze contro grandi città.
 Secondo un rapporto del ministero della difesa di Mosca, ripreso da “ReteNews24”, il velivolo è esploso in volo, prima ancora di finire contro le montagne. 
In pratica, un replay del caso Ustica. 
A far scoppiare l’aereo, con i suoi 150 passeggeri, sarebbe stato un errore fatale nell’uso del laser “Hellads”, in forza alla Us Air Force, che proprio in quelle ore lo stava testando.
L’aereo tedesco, che ha perso quota in modo anomalo prima di essere distrutto, sarebbe finito nella
traiettoria della nuova arma. 
Un laser ancora molto impreciso, peraltro, al punto da causare – appena tre giorni dopo – lo strano black-out che ha colpito l’Olanda, inclusa Amsterdam. 
Sempre secondo Mosca, la Nato avrebbe ugualmente replicato il test, a soli a tre giorni dal disastro francese, per rispondere tempestivamente all’esperimento (riuscito) del lancio del nuovissimo missile balistico russo Rs-26 Rubeszh.


Causa della tragedia nei cieli francesi a poche miglia dal confine italiano, secondo la difesa russa, sarebbe il cosiddetto “High Energy Liquid Laser Area Defense System” (Hellads), un sistema d’arma ancora sperimentale, a laser liquido ad alta energia, in fase di sviluppo da parte della Darpa, la divisione del Pentagono che cura progetti avanzati.
 Il sistema “Hellads” è basato sull’impiego di un raggio laser ad alto potenziale, 150 chilowatt, progettato per abbattere missili, razzi e proiettili d’artiglieria.
I russi riferiscono che lo stesso “Hellads” sarebbe stato responsabile, già il 22 maggio 2013, del quasi-incidente ai danni del volo Lh-1172 della Lufthansa, che perse improvvisamente quota. 
Il laser, in quel caso, avrebbe dovuto intercettare in volo un bersaglio lanciato dalla base aera di Vandenberg, in California. 
Sulle Alpi francesi,invece, lo scorso 24 marzo era stato sparato un missile balistico intercontinentale Icbm, modello “Lgm-30G-Minuteman III”, e poi un “Amarv” (“Advanced Maneuverable Reentry Vehicle”, destinato all’orbita polare per poi pecipitare nell’Oceano Pacifico». 
Era il bersaglio del laser, che invece avrebbe colpito l’aereo di linea.

L’“Amarv”, spiegano i russi, simula le testate nucleari multiple e viene quindi preso di mira dal laser ad alta energia, nel tentativo di distruggerlo. 
Causa del fallimento di “Hellads”, secondo il rapporto di Mosca, è l’utilizzo – come piattaforma di lancio – del bombardiere B-1, «usato in tutti i test precedenti» e «noto per i continui fallimenti». 
Per questo, secondo i russi, agli occidentali non viene rivelata la verità su “Hellads”, la nuova super-arma della Nato, vera causa dell’abbattimento del volo 9525 della Germanwings.
Così sarebbe stata inventata di sana pianta la storia del co-pilota “impazzito” [di boccaloni bisognosi solo di rassicurazioni l'occidente è stracolmo... ndr] . 
Secondo il ministero della difesa di Mosca, la stessa traccia audio della scatola nera «dimostra chiaramente il contrario di ciò che la propaganda occidentale ha indicato parlando di “urla dei passeggeri” sentite all’inizio per poi zittirsi, e seguite da “scricchiolio metallico”, allarme della cabina di pilotaggio e indecifrabili chiacchiere via radio prima del silenzio». 
Tutte indicazioni che rivelerebbero che «l’aereo aveva subito un guasto catastrofico uccidendo passeggeri ed equipaggio con l’esplosione in volo», come peraltro «i rottami sparsi dimostrano».

Commenti

Post più popolari