GIULIETTO CHIESA-ARRESTATO ED ESPULSO DALL' ESTONIA

GIULIETTO CHIESA-ARRESTATO ED  ESPULSO DALL' ESTONIA

DI PAOLO RAFFONE
Leggere che un cittadino italiano, senza carichi pendenti, che esercita la professione di giornalista e che è stato parlamentare europeo è stato arrestato dopo il suo intervento ad una conferenza dov’era ufficialmente invitato a discutere il tema “La Russia è antieuropea?” lascia sbigottiti.
 Oltre alle modalità tipiche dei regimi totalitari che hanno condotto al suo arresto, cioè senza spiegazioni o mandato, lascia ancor più perplessi che un paese dell’Ue arresti e voglia espellere un cittadino di un altro paese membro, senza che l’arrestato sia accusato di alcun reato.
È scioccante che le autorità europee non abbiano reagito, come invece fanno strumentalmente con la Turchia e la Russia. 
Triste poi è che il governo italiano taccia.
 Ancor più preoccupante è che l’ordine dei giornalisti, a cui presumibilmente Chiesa è iscritto, non abbia subito denunciato il caso avvertendo che si tratta di una gravissima
violazione delle libertà politiche, civili e di espressione.

Cosa si impara da questa situazione?
Essendo Giulietto Chiesa un signore rispettabile, al quale si può solo dire che è dichiaratamente russofilo – evviva la faccia!, si capisce che in quel paese membro dell’UE – con circa 1.3 milioni di abitanti di cui ben il 24.8% sono etnicamente russi – non sono rispettati i diritti fondamentali che sono parte integrante del Trattato di Lisbona.
 Inoltre, si capisce che il quarto di popolazione etnicamente russa e gli altri russofoni (forse un ulteriore 20%) non hanno diritti di espressione. 
È noto invece che sul rispetto e le garanzie dei loro diritti politici ci sarebbero già gli estremi per espellere l’Estonia dall’Ue.
 Ma di questo Mogherini e gli altri cantori delle liriche europeiste non dicono una sola parola, in ossequio alla sudditanza alla Nato e agli Usa.
È interessante sapere che dopo il 1990 le politiche “integrazioniste” messe in atto dalla democratica, digitale ed europea Estonia hanno spaccato in due la popolazione russofona (etnicamente russi e russofoni, cioè quasi la metà della popolazione totale) che fino ad allora era compatta e omogenea. 
Secondo uno studio del 2011 del prof. Marju Lauristin dell’Università di Tartu, ecco la situazione:

a) Il 21% di non etnicamente estoni sono stati integrati;
b) Il 16% sono russofoni patrioti dell’Estonia;
c) Il 13% sono estonofoni critici e attivi;
d) Il 29% è poco integrato;
e) Il 22% è passivo e non integrato.

In Estonia, come in Ucraina, si continua ad asfissiare i russi e i russofoni in nome “dell’ordine e della legalità” che piace all’Ue ma soprattutto alla Nato.
Questo è il risultato di un disastroso allargamento dell’Ue verso i paesi ex-sovietici. 
Questo è il risultato di una insulsa politica di vicinato che ha riportato “l’arco di crisi” in Europa, dal Baltico al Mar Nero.
Si parla da tempo della concreta possibilità di un’eurozona a più velocità, cioè di un’eurozona differenziata in aree più omogenee.
Sarebbe ormai tempo di accettare l’evidenza che anche l’Ue nel suo insieme ha fallito e che quindi si debba procedere a aree differenziate e più omogenee. 
Non farlo rischia di portare alla fine dell’esperimento di costruzione di Unione europea! 
Il tempo del “breaxit” britannico si avvicina sempre più velocemente.

Paolo Raffone





Commenti

Post più popolari