Torino alta tensione,scontri tra le forze dell'ordine e studenti

Torino alta tensione,scontri tra le forze dell'ordine e studenti

(AGI) - Roma, 17 ott. - ad alta tensione.
 Il capoluogo piemontese e' stato teatro di scontri tra le forze dell'ordine e gli studenti superiori ed universitari, scesi in strada per manifestare contro il vertice europeo dei ministri del Lavoro, in corso di svolgimento al Teatro Regio. 
I circa 150 componenti del corteo studentesco sono partiti da piazza Arbarello e hanno puntato su Piazza Castello. 
Ad aprire la loro marcia, uno striscione con la frase "contro il vertice dell'ipocrisia. 
Scuola per tutti, precarieta' per nessuno". 
Contemporaneamente, sfilava per la citta' un altro corteo, quello dei lavoratori Fiom, aperto
dagli operai della De Tommaso e della Fiat. 

La manifestazione dei dipendenti metallurgici, in diecimila secondo le stime, e' partita dalla stazione di Porta Susa e si e' poi diretta verso Piazza Castello. 
Qui, la mossa a sorpresa degli studenti, che hanno forzato alcune transenne che sbarravano la strada verso il teatro Regio e hanno iniziato a lanciare bottiglie e pomodori verso le forze dell'ordine. 
Non si e' fatta attendere la risposta dei poliziotti, che hanno utilizzato dei lacrimogeni.
 Il bilancio, al momento, e' di tre poliziotti feriti non gravi e di cinque persone fermate e portate in Questura. 
Tra i feriti, anche il vice-questore della citta' della Mole, che si trovava davanti allo schieramento delle forze di Polizia per sovrintendere i servizi di ordine e sicurezza pubblica. 
Il funzionario e' stato colpito dall'ordigno alla gamba sinistra, riportando una lesione giudicata guaribile in 15 giorni. 

La situazione e' tornata poi alla normalita', ma la polizia ha anche ritrovato uno zaino abbandonato, pieno di pietre.
 "Non permetteremo a nessuno di rovinare questa manifestazione dei lavoratori della Fiom".
 Questa la reazione di Federico Bellono, il segretario provinciale, che durante i tafferugli stava tenendo un intervento sulle motivazioni della protesta.
 "Questa manifestazione non e' la fine ma l'inizio della nostra azione e nessuno deve rovinarla", ha detto ancora Bellono. 
Non si e' fatta attendere la replica del premier Renzi, che durante un discorso al vertice eurasiatico in corso di svolgimento a Milano, commenta cosi' gli scontri di Torino: "In Italia ci sono delle manifestazioni rispetto alle scelte del governo sul jobs act. Noi siamo convinti che le nostre scelte aiuteranno a creare occupazione e posti di lavoro". (AGI) .

Commenti

Post più popolari