“Hanno scelto l’ignoranza”-Lettera aperta degli scienziati alla politica

“Hanno scelto l’ignoranza”-Lettera aperta degli scienziati alla politica

POLITICA – Un gruppo di scienziati si è fatto portavoce di una protesta che sta scuotendo l’intero mondo della ricerca contro i tagli messi in atto dalla politica, pubblicando qualche giorno fa una lettera aperta rivolta ai governanti e al Parlamento Europeo.
 I firmatari, provenienti da Paesi con situazioni in realtà eterogenee per quanto riguarda la ricerca scientifica (Italia, Spagna, Grecia, Francia, Germania, Portogallo e Inghilterra), hanno riscontrato similitudini molto forti nelle politiche attuate nei confronti della ricerca e dello sviluppo: tagli, tagli e ancora tagli.
Lo slogan che guida la protesta, “They have chosen ignorance” (hanno scelto l’ignoranza),
sintetizza molto bene le paure che i ricercatori hanno tradotto in poche righe.

 In questo periodo di crisi economica le istituzioni europee hanno deciso di ridurre drasticamente i budget dedicati alla ricerca e allo sviluppo (R&D), settore che invece potrebbe aiutare a fortificare il modello produttivo di molte nazioni.
 Amaya Moro-Martin, un’astrofisica firmataria della lettera, spiega su Nature che, tra i tanti esempi da poter citare, alcuni spiccano. 

Dal 2009 l’Italia ha visto calare i posti disponibili per ricercatori di circa il 90% e gli investimenti in ricerca di base arrivare quasi a zero.
 In Spagna la situazione non è migliore, visto che gli investimenti dedicati alla ricerca sono diminuiti del 40% e solo il 10% dei ricercatori arrivati alla pensione sono stati sostituiti.
 La Grecia ha dimezzato il budget previsto per i centri di ricerca e le università, mentre il Portogallo potrebbe essere costretto a chiudere la metà delle sue unità di ricerca. 
I tagli, spiega la lettera, sono stati intimati dall’Europa per cercare di ridurre il deficit di queste nazioni ma anche in paesi virtuosi come la Germania, che ha raggiunto l’obiettivo di spendere il 3% del suo PIL nella ricerca, qualcosa sta cambiando. 
Qui infatti il numero di ricercatori che lavorano con un contratto a tempo determinato è salito all’80%, favorendo l’idea della ricerca come lavoro precario.

Una situazione che sta quindi diventando insostenibile. Francesco Sylos Labini, ricercatore presso il centro Enrico Fermi di Roma e tra i promotori dell’iniziativa, ricorda dalle pagine web di Science che “siamo ad un punto critico. 
Se non ci sarà un reale sforzo da parte di chi governa per cambiare direzione, tutto il sistema della ricerca pubblica (italiana e non) non resisterà per molto”.

La risposta dell’Europa a questo appello (risposta solo preliminare, ci auguriamo, alla quale ne seguiranno altre, più concrete) è arrivata attraverso Jean-Pierre Bourguignon, presidente dello European Research Council (ERC).
 Il budget riservato dalla Comunità Europea alla ricerca, dice, è cresciuto dai 55 miliardi di euro del periodo 2007-2013 agli 80 miliardi previsti per il 2014-2020. 
Tuttavia, ammette, le misure di austerity messe in atto in molti Paesi hanno seriamente compromesso il settore della ricerca.

Per ricordare al mondo politico che abbandonare il mondo della ricerca avrà pesanti ripercussioni nel futuro, i firmatari della lettera chiedono a scienziati, cittadini e a chiunque stia a cuore la scienza di diffondere e firmare l’appello, che ha raccolto al momento circa 5000 firme. Si tratta solo di una delle iniziative previste per protestare contro i tagli alla ricerca. 
E’ partito infatti lo scorso 26 settembre un tour in bicicletta della Francia, Sciences en Marche, che vede protagonisti 25 scienziati francesi e che terminerà a Parigi il prossimo 17 ottobre. 
Sono previsti, inoltre, incontri nelle principali Università italiane, una manifestazione a Madrid e una conferenza stampa a Roma. EuroScientist ha aperto un blog per promuovere la discussione e dove è possibile seguire tutte le iniziative in atto.
Crediti immagine: University of Michigan School of Natural Resources & Environmen, Flickr

Commenti

Post più popolari