Marra: Fermare le ‘riforme’ della ‘ministra per motivi di letto’ Boschi e del suo ‘Romeo’

Marra: Fermare le ‘riforme’ della ‘ministra per motivi di letto’ Boschi e del suo ‘Romeo’


«‘A féssa ‘mane e’ criature?» (La fessa in mano ai bambini?)
A Napoli direbbero che è andata a finire «‘a féssa ‘mane e’ criature» (la fessa in mano ai bambini), ma sbaglierebbero, perché questi non sono bambini, e se Boschi non è altro, com’è noto, che una ‘ministra’ per motivi di letto, il suo ‘Romeo’ e dante causa Renzi è un massone di 33° grado ‘investito con la spada’, senza cioè dover fare la carriera (sembrano dementi ma sono in realtà delinquenti), la cui ‘irresistibilità’ è frutto solo del fatto che è un cieco esecutore materiale delle dinastie bancarie che governano il bilderberg.

Ma la domanda agli italiani è: credete davvero che se non si fanno buone leggi è per colpa del bicameralismo perfetto?
Sarebbe cioè colpa del bicameralismo se, ad esempio, dopo 20 anni, non è stata ancora promulgata la mia vecchia legge sull’etichettatura dei prodotti agricoli ed ittici nella vendita al dettaglio, che renderebbe l’Italia il paese più ricco del mondo (paese leader del settore leader: gli alimentari)?

E come mai allora le leggi che piacciono ai loro padroni le fanno a fiumi?
La verità è insomma che il Senato va benissimo com’è, e vogliono cambiarlo solo per diminuire ulteriormente il tasso di democraticità del sistema legislativo, e quest’assurdità che chiamano ‘riforma istituzionale’ serve solo a rendere sempre più facile il dominio del bilderberg sulla società, oltre che a distogliere dal fatto che per il momento non stanno facendo assolutamente nulla per fermare la crisi.

Perché il motivo per il quale questa e tantissime altre importantissime leggi non sono state promulgate è che, non solo la Camera e il Senato, ma tutto è sotto la cappa del ‘pensiero unico’ indotto dalle lobby, nella fattispecie degli alimentari.

O gli italiani credono davvero che l’homo massonicus Renzi e la ministra per motivi di letto Boschi, che il diritto non sanno nemmeno dov’è di casa, stiano facendo una riforma nell’interesse della collettività?
Una ‘riforma’ che è solo un altro degli innumerevoli crimini legislativi e che, se dovessero riuscire a farla, dovrà poi anch’essa essere abrogata non appena, in due o tre anni, l’involuzione climatica che aleggia sempre più terribile sulle nostre vite avrà dato la ‘grande sveglia’ a questa dittatura della stragrande maggioranza della gente, che si è affermata malgrado tutti.

‘Riforme’ contro le quali per ora si può far poco, perché questa gentaglia ha una sensibilità a prova di torte in faccia, ma che, ripeto, svaporeranno ora che i venti, le tempeste, le inondazioni, faranno piazza pulita delle mire dei poteri che si sono impossessati del mondo tramite i media.
Fermo restando che il problema dei veri riformatori, dei veri giuristi, non sono le banche o il bilderberg, cioè i loro nemici, ma la mancanza di amici, perché la democrazia popolare regna ormai incontrastata, e come sempre è sotto il dominio dei poteri.

Salvo che quando, 2.500 anni fa, ad Atene, andò in crisi per aver condannato Socrate a morte, i seguaci di Santippe, l’ignoranza, erano 280 su 500 (tanti furono i membri del tribunale popolare che lo condannarono), mentre oggi sono forse 499 su 500, nonostante moltissimi siano diplomati e laureati, e tutti abbiano fatto la scuola dell’obbligo.
Sconfitta di Santippe (l’ignoranza) da parte di Socrate (la sapienza) che è sicuro avverrà tra breve perché altrimenti il clima causerà la fine dell’umanità.
Anche se non è detto che non abbiamo già superato il punto di non ritorno sicché, grazie alla cretinaggine per ora imperante, libereremo comunque il pianeta dalla nostra presenza.
29.7.2014, Alfonso Luigi Marra
IN QUESTO BLOG I COMMENTI SONO DISABILITATI, SE SEI INDIGNATO E/O VUOI OFFENDERCI VUOI LASCIARE IL TUO PENSIERO PUOI UTILIZZARE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Commenti

Post più popolari