ITALIA NOSTRA-SU LA TESTA!

ITALIA NOSTRA-SU LA TESTA!

di Gianni Lannes
Finzioni e diversivi. In una frase: architettare montature. 
E’ lo sport in voga dei governi eterodiretti, coadiuvati dalle operazioni in nero dei servizi di spionaggio: attentati, stragi, colpi di Stato, azioni truccate, propaganda dei mass media, guerra psicologica, geo-ingegneria ambientale e così via.
Cosa è davvero pericoloso per il sistema di potere dominante? 
La domanda più importante è il perché. Il chi e il come sono utili diversivi per il gregge lobotomizzato.
Tengono la gente incollata alla tv, occupata come in un gioco, evitando che si chieda la cosa più importante. 
Vale a dire: perché?
Niente è stato lasciato al caso, ma tutto programmato e preconfezionato. Molte strane cosa stanno accadendo sulle nostre teste. 
Vi sembrano tutte coincidenze? 
E, infatti, non lo sono.
Per citarne solo alcuni. 
Perché furono uccisi Enrico Mattei, Mauro De Mauro, Pier Paolo Pasolini, Aldo Moro, Italo Toni, Graziella De Palo, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Ilaria Alpi Miran Hrovatin e Natale De Grazia? Chi ci guadagnò? Chi ha il potere di coprire questa litania di omicidi ai più alti livelli di Stato?
Il principio organizzativo della società occidentale è proprio la guerra. L’autorità che lo Stato - controllato ormai da multinazionali - ha sul popolo risiede nel suo potenziale bellico, sul monopolio esclusivo e legalizzato della violenza.
Perché in Italia migliaia di documenti sulle stragi e i delitti eccellenti sono coperti dal segreto di Stato? Quale sicurezza nazionale può consentire la sottrazione di poteri fondamentali dalla meni del popolo italiano e avallare ormai da tempo l’instaurazione di un governo invisibile ma reale? Come si può tollerare una serie reiterata di colpiti di Stato a partire dal 1948 quando gli “alleati” manomisero le elezioni?
L’associazione a delinquere bivacca ai più alti livelli dello Stato tricolore. I ministeri della difesa e degli esteri, per esempio, agiscono da decenni indisturbati come procacciatori d’affari bellici. Perché migliaia di militari italiani sono impegnati da anni nelle guerre su più fronti?
Tante persone in Italia vogliono sapere la verità.
 Tante persone hanno a cuore la sorte della nostra nazione. Tante persone rivogliono il loro Paese, perché l’Italia ci appartiene ancora.
 E così sarà finché noi batteremo per i valori in cui crediamo. La verità è il più importante dei valori.
Cosa possiamo fare noi per l’Italia?
 Dimostriamo al mondo che gli italiani sanno alzare la testa, perché rappresentano una speranza di riscatto e di libertà contro lo strapotere dei governi telecomandati.
http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2014/06/italia-nostra-su-la-testa.html
IN QUESTO BLOG I COMMENTI SONO DISABILITATI, SE SEI INDIGNATO E/O VUOI OFFENDERCI VUOI LASCIARE IL TUO PENSIERO PUOI UTILIZZARE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Commenti

Post più popolari