Renzi e i suoi si danno da fare: la pressione fiscale sta distruggendo l'Italia

Renzi e i suoi si danno da fare: la pressione fiscale sta distruggendo l'Italia


Crollo (-6,8%) per settore alimentare. 
Confesercenti: rischi deflazione. 
In 4 mesi chiusi oltre 20.000 negozi, 166 al giorno.
“Come anticipato dall'ICC (l'indice dei consumi della Confcommercio, Ndr), continua la riduzione dei consumi che, per quanto riguarda gli alimentari in particolare, fanno registrare addirittura un risultato peggiore delle attese. 
Per trovare l'ultima variazione congiunturale positiva dell'indice delle vendite al dettaglio bisogna risalire a dicembre 2012, ma nel frattempo questa nuova caduta conferma ancora una volta che la ripresa si allontana e stenta a concretizzarsi”, commenta l'Ufficio Studi Confcommercio riguardo ai dati Istat sulle vendite al dettaglio a marzo.
Di fatto a marzo le vendite al dettaglio sono scese su base mensile -0,2%, segnando una flessione -3,5% su base annua.
 Considerando la media del trimestre gennaio-marzo 2014, l'indice ha perso
-0,3% nei confronti dei tre mesi precedenti. 
Vero crollo (-6,8%), come non accadeva dall'inizio delle serie storiche, ovvero dal 1995, per le vendite di beni alimentari. 
E' vero comunque che in questo caso il confronto annuo risente della Pasqua, che è stata festeggiata ad aprile, mentre nel 2013 era caduta nel mese di marzo.
L'Ufficio Studi Confcommercio rivela però tutto il suo pessimismo: “Nonostante la fiducia delle famiglie sia in crescita e i prezzi al consumo sostanzialmente bloccati l'elevata pressione fiscale e l'incertezza sul carico tributario effettivo impediscono alle famiglie di rivedere al rialzo i propri piani di spesa. 
Ridurre la pressione fiscale in modo strutturale e dissipare immediatamente le ombre e la confusione sulle imposte gravanti sugli immobili sono, dunque, le azioni più urgenti da intraprendere per evitare che il 2014 costituisca l'ennesima occasione fallita per il rilancio dell'economia italiana”.
La colpa dunque dello stato attuale delle cose rimane della pressione fiscale.
La carrellata di numeri negativi per l'Italia si allunga con la pubblicazione dell'indice delle retribuzioni contrattuali orarie, rimane invariato rispetto al mese precedente e in rialzo +1,2% su base annua; si tratta però della crescita annua più bassa da quando esistono le serie storiche, dal 1982.
Complessivamente, nei primi quattro mesi del 2014 la retribuzione oraria media è cresciuta dell'1,4% rispetto al corrispondente periodo del 2013.
Arrivano poi i dati di Confesercenti, da bollettino di guerra. 
Nei primi quattro mesi dell'anno, secondo i dati dell'Osservatorio Confesercenti, ha cessato l'attività un totale di 20.297 imprese, più di 166 al giorno, a fronte di sole 9.352 nuove aperture, per un saldo finale di -10.945 unità.
La crisi, sottolinea Confesercenti, è stata particolarmente grave per il commercio alimentare.
 Non solo a marzo, secondo i dati Istat, le vendite cedono dello 0,4%, ma da gennaio ad aprile il comparto ha visto chiudere 2.789 attività per un saldo finale negativo di 1.099 imprese.
Nessuna ripresa neppure nel non-alimentare: vendite deboli nell'abbigliamento: il dettaglio tessile, abbigliamento e calzature registra da gennaio un vero tonfo, con 2.034 aperture e 4.961 chiusure.
“Altro che allarme rosso - commenta Confesercenti - questo scenario non solo riaccende i rischi di deflazione, ma può avere conseguenze nefaste anche a monte della filiera commerciale aggravando lo stato già critico delle imprese che lavorano per il mercato interno. 
È inutile tergiversare. 
A questo punto occorre un pacchetto di interventi forti: va ridotta significativamente per tutti, imprese e famiglie, una pressione fiscale incompatibile con una speranza di ripresa economica; va combattuto con maggiore energia il fenomeno dell'abusivismo che affossa interi settori economici; vanno liberate le imprese al più presto dell'onere pesantissimo degli adempimenti fiscali e burocratici, che sono diventati una sorta di girone infernale con mille incertezze, mutamenti improvvisi di scadenze e regole, ricorsi improvvidi alla retroattività delle norme”.
http://www.ecplanet.com/node/4254
Fonte: wallstreetitalia.com
IN QUESTO BLOG I COMMENTI SONO DISABILITATI, SE SEI INDIGNATO E/O VUOI OFFENDERCI VUOI LASCIARE IL TUO PENSIERO PUOI UTILIZZARE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Commenti

Post più popolari