Grillo in Tv da Vespa. L'ultimo 'match' 30 anni faL'ex comico e il giornalista insieme nel 1983 per le elezioni

Grillo in Tv da Vespa. L'ultimo 'match' 30 anni faL'ex comico e il giornalista insieme nel 1983 per le elezioni


Beppe Grillo e Bruno Vespa. 
L'incontro-scontro è titanico, roba da MGM di Las Vegas. In due, d'altra parte, fanno oltre 60 anni di televisione italiana. 
Il faccia a faccia, nello specifico, non avveniva da 31 anni.
"Se non ricordo male - racconta Vespa all'ANSA - non accade dalla serata elettorale del 1983: io mi occupavo della parte politica, lui dell'intrattenimento". 
Allora il voto determinò il crollo della Dc: "Quando vide che la Democrazia cristiana perdeva sei punti, Grillo staccò il ritratto di De Mita dalla parete e chiese: 'Che faccio, lo butto?'. 
Io gli risposi: 'Lascia perdere, puo' tornare buono'. 
E infatti De Mita non si dimise".
Quelli erano gli anni ruggenti per il comico genovese, che tra satira e spettacoli in Tv era una presenza fissa. 
Poi, siamo nell'86, durante 'Fantastico 7' lancia strali giudicati troppo velenosi contro i socialisti e viene allontanato dalla Rai.
 Una 'fatwa' che dura fino al 1993 - l'anno dello speciale su Rai Uno: ascolti
record e fiume di critiche e polemiche - e quindi di fatto si rinnova a tempo indeterminato.
Grillo, nel mentre, attraversa il guado e ora si ritrova dall'altra parte della barricata, politico (a modo suo) navigato seppur extra-parlamentare. 
Vespa, invece, è rimasto Vespa: giornalista Rai per antonomasia, nel suo salotto ha fatto il bello e il cattivo tempo della Seconda Repubblica. 
Non è dunque una sorpresa se si aggiudica "il microfono di legno" come giornalista più fazioso in uno dei tanto sondaggi lanciati dall'ex comico sul suo blog.
Il leader del Movimento 5 Stelle non gli ha poi risparmiato bordate più o meno brucianti nel corso dei suoi mille e uno spettacoli (poi comizi). 
 Una delle varie - ma non moltissime - va legata alla sparata contro le ''trasmissioni indecorose, che fanno venticinque puntate sul delitto di Cogne, con Bruno Vespa che invita psicologi e criminologi che si atteggiano a necrofori.
 Chi striscia non inciampa; ma Vespa inciampa anche quando striscia''.
Eppure, dopo tanto sbraitare, l'incontro forse più atteso della tornata elettorale - una sorta di Berlusconi-Santoro delle politiche 2013 - si concretizza, benché in seconda serata (alle 23:20).
 "Chiedete ai cittadini del M5S che sono venuti a Porta a porta come si sono trovati e mettete in rete le risposte.
 Beppe Grillo non è pazzo", scrive allora Bruno Vespa su Twitter dopo che sul social network alcuni utenti avevano postato messaggi critici nei confronti del conduttore.
IN QUESTO BLOG I COMMENTI SONO DISABILITATI, SE SEI INDIGNATO E/O VUOI OFFENDERCI VUOI LASCIARE IL TUO PENSIERO PUOI UTILIZZARE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Commenti

Post più popolari