Il pigiama-party di Renzi e la resa imminente dell’Italia

Il pigiama-party di Renzi e la resa imminente dell’Italia

Dopo l’infinita e costosissima carnevalata Berlusconi-Lega, c’era stato il severo governo in loden che, come nella storia del Piccolo Lord, invece di punire Berlusconi, puniva e sgridava tutti noi cittadini che avevamo vissuto per vent’anni sotto Berlusconi. 
Subito dopo il processo e la punizione del Tribunale Monti, siamo stati ricoverati, per decisione e sollecitudine del Primario, nella Clinica Letta, specialista in grandi intese, dove gentili camici bianchi somministravano medicine sgradevoli, però in dosi e combinazioni, si è capito dopo, inutili.
L’irrompere di Renzi e della sua squadra giovane (salvo l’addetto alla sala macchine dell’economia) è sembrato un pigiama party, l’ingresso in un mondo festoso (che deve venire) in cui tutto è possibile perché Renzi, proprio lui, Renzi, ci ha messo la faccia. 
Certo, a mano a mano che si diradano i fumi dei fuochi artificiali di festa, dal pigiama party si staccano gruppi scontenti, a cominciare dai pensionati.
Hanno appena imparato che lo slogan “Le pensioni non si toccano” è come una preghiera che non occorre essere credenti per ripetere.  Ma hanno anche imparato che le famose “pensioni d’oro” non sono quelle da 90 mila al mese, che cosa avevate capito?  
Quelle sono poche e ben difese. 
Stiamo parlando di pensioni da duemila o poco più, cioè tantissime, esattamente la classe media, esattamente quelle di chi ha lavorato molto, ha guadagnato decentemente, secondo le retribuzioni del tempo, ha pagato molte tasse alla fonte (quasi sempre lavoro dipendente), ha versato molti contributi (quelli che tengono in piedi la baracca previdenziale) e contribuito a tenere a galla le famiglie che si sono salvate fino a poco fa (compresi molti giovani senza lavoro però dottorandi), e che fra poco cadranno fra i corpi morti della classe media.
Ma i nuovi giovani non commettono l’errore di guardare ai dettagli e agli errori. 
Ce ne saranno stati anche nel piano Eisenhower per lo sbarco in Normandia. Troppi morti, dice qualcuno.
 Sarà, ma Eisenhower ha vinto.
 Vediamo piuttosto il metodo operativo di questo successo che, non negatelo, si accumula. 
Renzi è come i Future, come i derivati.
 Ogni cosa si gioca sul fatto che la cosa precedente sarà certamente andata bene.
 Però, come per i derivati, devi tenere lo sguardo sull’ultima cosa promessa.
 È su di essa che si scommette e, se si vince, si vince grosso.
 A scommettere sulla prima sono capaci tutti, hai un tuo piccolo margine e “non cambi verso”. 
Per “cambiare verso” all’Italia, devi tenere lo sguardo fisso avanti e lontano, verso un mondo tutto nuovo che, ti garantisco, sta per venire.
 No, non quello di adesso, quello dopo. 
Se questo è il contesto, è chiaro che la vendita conta più del prodotto.
Il Segreto di Matteo Renzi è tutto qui. 
Invece di rivisitare il passato o di lasciarsi inchiodare dagli irrisolvibili problemi del presente, si gioca il futuro. 
Ha lasciato indietro le retroguardie pericolose della spending review inventata da altri, ma tenuta in vita per raccogliere tutto ciò che si può ramazzare dalle spese inutili. 
Sono spese inutili tutte quelle che il Commissario dichiarerà tali.
 Ci sono vittime, ma nel passato.
 Le risorse recuperate saranno offerte in dono, dal Commissario delle spese, al giovane vincitore del futuro, che tiene lontane le vecchie vittime (chi ha bisogno dei pensionati?) e brandisce le ex spese inutili come una conquista di cui gli altri, prima di lui, erano stati incapaci.

http://www.libreidee.org/2014/04/il-pigiama-party-di-renzi-e-la-resa-imminente-dellitalia/?
SE VUOI COMMENTARE PREMI IL PULSANTE ROSSO CHAT

Commenti

Post più popolari