CROTONE: SCOVATA UNA GIGANTESCA NAVE DI VELENI DELLO STATO ITALIANO

CROTONE: SCOVATA UNA GIGANTESCA NAVE DI VELENI DELLO STATO ITALIANO

di Gianni Lannes
Questa volta il mostro industriale è stato abbandonato sulla terraferma, sotto gli occhi e il respiro della popolazione, senza alcuna pietà per i bambini e per quelli ignari che verranno alla vita. 
Ecco un'immensa nave dei veleni dell'Eni, affondata e insabbiata dallo Stato
italiano. 
Dati ufficiali: 1 milione e 200 mila tonnellate di sostanze altamente tossiche, tracimate anche in mare.
 Conseguenze? 
Forse incalcolabili.
 Comunque, una mastodontica contaminazione da metalli pesanti, alcuni dei quali cancerogeni come cadmio, arsenico e mercurio.
Secondo l'ingegner Vincenzo Vita che ha analizzato a fondo la gravissima situazione e ha curato un progetto di riqualificazione, "escludendo la fitorimediazione dell’arsenico, i tempi previsti per la bonifica del sito superano i 4.000 anni". Di mezzo c'è come sempre la Syndial (ossia l'Eni). 
Rimedi veri e concreti a tutt'oggi?
 Pari a zero.
Qui da decenni le persone comuni si ammalano e muoiono di cancro, mentre le bonifiche sono ancora e sempre di carta velina. I rifiuti dell'Eni tracimano in mare e trasudano dalle fondamenta di asili, scuole pubbliche, ospedali e case. Qui il pericolo si annida nei gesti più elementari della vita: respirare, mangiare e bere.
 Insomma, una strage pianificata proprio dallo Stato tricolore, ossia dai governi che hanno consentito anche alla 'ndrangheta di ingrassare impunemente.
 Occorrono 120 milioni di euro per bonificare, ma l'Eni che ha inquinato ne vuole spendere meno della metà per fingere di ripulire in superficie. 
E lo Stato come al solito, sottobanco ha accettato di non fare niente.
 La gente che vive in loco, come in tutta l'Italia è considerata da chi comanda per conto terzi dall'estero, meno di nulla. 
Dulcis in fundo: grazie al contratto d'area inventato da Romano Prodi, lo Stato (i vari governi)ha consentito - come per Manfredonia - ai Marcegaglia di impiantare con la solita pioggia di denaro pubblico a fondo perduto, l'ennesimo inceneritore di rifiuti mascherato da centrale a biomasse. Per l'esattezza a Cutro, nell'entroterra crotonese.
Crotone era un gioiello della Magna Grecia.
Giusto per la cronaca ignota ai comuni mortali della repubblichetta delle banane, trasformata in una discarica dell'Europa: al largo di Crotone, ovvero nel Golfo di Taranto, sono state affondate numerose navi dei veleni, container imbottiti di rifiuti pericolosi, bidoni nucleari, spazzatura proveniente da Germania, Francia, Belgio, Gran Bretagna eccetera eccetera. 
Nel Mar Jonio, il centro Enea di Rotondella ha sversato per decenni scarti radioattivi. 
La zona, come ben sa proprio l'Enea e, dunque lo Stato è fortemente contaminata.
NEL MEZZOGIORNO PEGGIO DI CAVIE: CARNE DA MACELLO! PER QUANTE GENERAZIONI DI ESSERI UMANI I BOIARDI DELLO STATO ITALIANO HANNO COMPROMESSO LA VITA NEL SUD DEL SUD? ALTRO CHE 'NDRANGHETA: QUESTA E' MAFIA DI STATO.




SE VUOI COMMENTARE PREMI IL PULSANTE ROSSO CHAT

Commenti

Post più popolari