COSTA LIVORNESE:Locali chiusi, Sos estate una riunione urgente

COSTA LIVORNESE:Locali chiusi, Sos estate una riunione urgente

CASTIGLIONCELLO:la crisi morde o anche colpa della politica e della mentalita' locale?
 A giorni dalla Pasqua che quest’anno cade proprio alle porte dell’estate, a nessuno sfugge che tutti i locali di Castiglioncello sono chiusi.
 L’elenco è di quelli che smorzano il respiro soprattutto a coloro che vivono di
turismo. 
Chiuso il Tennis, locale cult della pineta Marradi. 
Saracinesche abbassate alla Limonaia, luogo di incontro a due passi da piazza della Vittoria, inserito nel parco del castello Pasquini e luogo deputato agli Incontri con l’autore che ogni anno richiama centinaia di persone.
 Possibilità di chiusura anche del cinema all’aperto, sempre in pineta Marradi, gestito da Armunia.
 Ma chiusi, o a rischio, altri locali storici quali l’Astragalo, discoteca e ristorante sulla famosa baia del Quercetano, e la Caffetteria disco bar Dai Dai immersa nel verde della baia del Sorriso. 
Una situazione che allarma i cittadini ma anche l’amministrazione comunale.
Il rischio infatti è che non si faccia in tempo a rinnovare la gestione dei locali per poter garantire la loro apertura nella prossima stagione estiva.
Per fugare le voci che in questi giorni si stanno accavallando su presunte gestioni o chiusure, l’assessore Luca Agostini ha indetto una riunione «con tutti i soggetti di riferimento, dai proprietari dei locali privati, alle associazioni di categoria e i Ccn. 
Una riunione - ribadisce Agostini – per condividere le preoccupazioni ma soprattutto per elaborare eventuali possibili proposte per garantire la riapertura di queste attività.
 Vorremo capire se, ad esempio, l’Astragalo locale dichiarato fallito dal tribunale, dovrà rimanere chiuso oppure se, in qualche forma, la sua attività potrà essere assicurata anche per questa estate.
 Perché tutti questi locali, pubblici o privati che siano, pesano sull’economia turistica di tutto il territorio».
pero' la domanda di fondo tresta: le cause quali sono?
e' inutile fare le vittime e gli allarmisti , se alla fonte non c'e' una sincera autoanalisi e autocritica, con una conseguente voglia di cambiamento, la crisi esiste indubbiamente, e morde forte, ma castiglioncello non era quel posticino frequentato da vip, di cui tanto si beavano gli abitanti locali?
non era forse castiglioncello che diceva che lavorare con i poveri non conviene e snobbava tutti coloro che non erano vip,pensando in modo neanche tanto malcelato che la gente comune gli rovinava la reputazione?
e castiglioncello cosa ha fatto per mantenersi l'afflusso di vip?
a castiglioncello si diceva che i vip cercano silenzio e intimita' e non vogliono la gente comune intorno perche' scocciano, e con questa scusa non si e' mai rinnovato nulla, si e' fatto chiudere locali storici perche' i moralisti bigotti dicevano portavano troppa massa e rumore con annessa droga e prostituzione,
e allora? come mai i vip non vengono piu'?
eppure rumore non ce ne e' piu', dato che i fantasmi non provocano rumore, il ciucheba lo avete eliminato com mille scuse e coltellate alle spalle, avete eliminato il concorso ippico, avete eliminato il charli brown perche' era un night club e quindi non dignitoso pe i moralisti di castigliponcello, avete fatto tavola rasa di ogni forma di vita e di ogni piccolo divertimento di cui la vita stessa ha bisogno, avete praticato prezzi da capogiro con la scusa che eravamo a castiglioncello e i prezzi alti servivano per selezionare la clientela, altrimenti il posto si svalorizava, siete stati complici della polizia municipale che si e' sempre posta con modi  da sceriffo del tipo tolleranza zero.
potrei andare ancora avanti, ma credo che le basi che ho gettato siano sufficienti per iniziare a fare autocritica.
a proposito, come mai i locali sono chiusi?

SE VUOI COMMENTARE PREMI IL PULSANTE ROSSO CHAT

Commenti

Post più popolari