Putin disloca mezzi militari e navali in Crimea Usa, la Russia controlla la Crimea. Kiev richiama i riservisti

Putin disloca mezzi militari e navali in CrimeaUsa, la Russia controlla la Crimea. Kiev richiama i riservisti

Il premier ucraino Arseni Iatseniuk: "Siamo sull'orlo del disastro".
 Militari ucraini e russi si fronteggiano, oltre che alla base di Perevalnoe, a 25 chilometri da Simferopoli, anche in quella della marina ucraina di Feodosia, sempre in Crimea.
 Usa: la Russia ha il controllo della Crimea
Uomini in uniforme militare in Crimea
L'Italia alla Russia: "Evitare l'escalation"
Simferopoli02 marzo 2014A cavallo della mezzanotte - riporta la BBC - a Sinferopoli, la capitale della Crimea, si sono sentite due esplosioni.
 Secondo un testimone almeno una sarebbe avvenuta in una via dove ha sede un'unità militare. 
Mosca pronta alla guerra
La Russia è pronta alla guerra in Crimea. 
Ne ha già il controllo, dichiara in serata una fonte dell'amministrazione Usa. Dopo quell'ora e mezza di telefonata con il presidente Obama - che sembra non aver sortito alcun effetto - il presidente russo Vladimir Putin ha ribadito la necessità di difendere gli interessi del suo Paese in Ucraina.
 Detto fatto. 
Secondo Kiev ci sarebbero 15 mila soldati. 
Usa: Crimea in mano alla Russia
La Crimea è ormai sotto il controllo della russa, ha detto un funzionario dell'amministrazione americana. 
Intanto il premier britannico David Cameron si schiera con il presidente Obama: un intervento russo costerà caro.
E se Putin è deteriminato a "non lasciare sola" la popolazione russofona e russofila della Crimea, il Consiglio per i Diritti Umani della Russia si oppone all'intervento armato con un documento in cui dichiara che "l'uso di una forza militare esterna, viola la sovranità di uno stato vicino e contraddice le obbligazioni internazionali cui la Russia è vincolata, ed è inappropriata". Spesso, in passato, Putin ha ignorato le posizioni del Consiglio e si suppone che anche questa volta possa succedere lo stesso.
Comandante Marina Ucraina si schiera con la Russia
Intanto il comandante della Marina ucraina, Denis Berezovsky, nominato sabato dal presidente ucraino a interim Oleksandr Turchynov, ha deciso di schierarsi con Mosca 
e ha giurato fedeltà alle autorità filo-russe della Crimea. 
Su di lui, immediatamente rimosso, è stata aperta un'inchiesta per alto tradimento. 
Al suo posto è stato nominato capo di Stato maggiore della Marina militare ucraina l'ammiraglio Serghii Haiduk.
Kiev richiama i riservisti
Dal canto suo, l'Ucraina, questa mattina ha richiamato i riservisti dell'esercito e ha convocato d'urgenza il Parlamento. 
La mobilitazione sarebbe finalizzata a garantire la sicurezza e l'integrità territoriale dell'Ucraina.
 Il premier ucraino Arseni Iatseniuk ha affermato che Russia ha dichiarato guerra al Paese e che la Nazione è sull'orlo del disastro.
 A rincarare la dose il ministro della Difesa Igor Teniukh che ha denunciato che "nella notte sono atterrati in Crimea altri sette aerei militari russi per il trasporto delle truppe e 11 elicotteri".
Faccia a faccia militari russi e ucraini
Il quartier generale della Guardia di frontiera ucraina a Simferopol è stato attaccato prima solo da civili con giubbotto anti proiettile e caschi poi anche da militari russi.
 L'edificio è finito sotto controllo di "uomini armati non identificati', rende noto l'agenzia ucraina Unian.
 Militari ucraini e russi si fronteggiano, oltre che alla base di Perevalnoe, a 25 chilometri da Simferopol, anche in quella della marina ucraina di Feodosia, sempre in Crimea.
Ucraina chiede invio osservatori a centrali atomiche
Il Parlamento ucraino ha, inoltre, chiesto l'invio di osservatori internazionali per proteggere le sue centrali nucleari.
 La Rada suprema - spiegano fonti parlamentari - ha anche lanciato una richiesta di assistenza alle potenze firmatarie del trattato nucleare del 1994 che garantisce la sicurezza ucraina, tra cui Stati Uniti, Gran Bretagna e Russia. 
L'escalation in Crimea
La Crimea, donata da Nikita Krushev all'Ucraina, ha scatenato la crisi. Russofona e filorussa ha visto un'escalation di proteste contro il nuovo governo di Kiev e il rovesciamento di Yanukovich.
 Prima le manifestazioni, poi l'irruzione negli uffici del Parlamento, un "premier della Crimea, Sergiy Aksyonov, le milizie filorusse nelle strade, due aeroporti chiusi.
 Venerdì sera l'impennata: Kiev denuncia la presenza di 2.000 paracadutisti russi arrivati su 13 aerei militari.
 Poi sabato, il ministro della Difesa denuncia l'invio di altri 6.000 soldati. 
Da Mosca nessuna conferma ufficiale mentre il "premier" filorusso della Crimea annuncia, che a "proteggere" i principali edifici nella Penisola, sono arrivati i militari russi della flotta sul Mar Nero; intanto sulle corse sono state avvistate navi da guerra russe.



- See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Mosca-manifestazioni-pro-e-contro-invasione-della-Crimea-obama-russia-guerra-crimea-ucraina-987c2330-0068-4898-bd9d-f78173316f1b.html#sthash.SidU82zb.dpuf

Commenti

Post più popolari