la quota rosa francese e i partiti italiani

la quota rosa francese e i partiti italiani

Il sogno della figlia di Jean-Marie che ha portato alla destra una boccata di aria di fresca con il suo movimento, è quello di riuscire a unire un insieme di partiti e per questo ha già fatto un appello ad unirsi a lei a tutte le forze anti-
europee tra le quali anche la Lega Nord e il M5S. 
Quest’ultimo però sembrerebbe negare ogni possibilità di accordo, tant’è che la stessa Marine Le Pen ha dichiarato: “Grillo mi odia, anche se i nostri partiti sono simili”.
 Molto più accondiscendenti gli esponenti della Lega Nord, che si sa però che al momento hanno veramente poche possibilità secondo i sondaggisti di arrivare ancora in Europa, faticando a raggiungere il 3,5%.
Il cruccio della leader francese rimane sull’odio mostrato dal leader del M5S in quanto come ben spiega ”In realtà i nostri partiti sono d’accordo su molti temi, a partire dalla lotta contro l’euro”. 
E così alquanto turbata da questo atteggiamento si spinge anche più in la sottolineando che Grillo in questo modo “si limita a contestare senza assumersi le proprie responsabilità”.
 Da parte loro i cofondatori del partito pentastellato fanno sapere che sulla questione non hanno intenzione di retrocedere, perché questa sarebbe la fine dello stesso Movimento che non è “né di destra né di sinistra“.
Certo è che sulla spinta di quanto avvenuto in Francia, Grillo ha ben da sperare che i suoi elettori aumentino considerando che come ha ribadito Le Pen i loro programmi sono quasi uguali, soprattutto nei punti riguardanti l’euro e l’Europa.
 Ora non resta che aspettare i risultati delle Europee in Italia per vedere chi entrerà a far parte quel gruppo del Parlamento europeo il cui fine sarà quello di allearsi come dice Le Pen “ per la difesa delle nazioni, il ritorno della democrazia, della sovranità dei popoli e delle identità nazionali”.


Guerriero del Risveglio

Commenti

Post più popolari