Il Comune di Firenze abbandonato: tutti a Roma da Renzi

Il Comune di Firenze abbandonato: tutti a Roma da Renzi

Davide Vecchi del Fatto Quotidiano ci racconta lo squallore del Comune di Firenze, letteralmente smembrato e abbandonato dopo che Matteo Renzi è diventato premier. Gli elettori fiorentini che hanno dato il loro voto a Renzi, non hanno più nessuno che li rappresenti dignitosamente in Consiglio. Scrive il Fatto: 
Dodici secondi netti. Francesco Bonifazi, capogruppo del Pd fiorentino, consigliere comunale, parlamentare toscano eletto nella circoscrizione del Piemonte, da dicembre tesoriere dei democratici, ieri ha registrato il record di permanenza a Palazzo Vecchio: 12 secondi in aula, un minuto circa in Comune. Entrato e uscito. "Ultimamente vengo poco", ammette correndo via. 
Dario Nardella si trattiene invece un'oretta prima di scappare per raggiungere Roma a registrare la puntata di Porta a Porta. "Mi aspetta Vespa, scusatemi", dice interrompendo la discussione in aula sull'aeroporto fiorentino e lasciando interdetti i 23 consiglieri presenti. Nardella, a oggi ancora parlamentare, è stato rispedito da Matteo Renzi a Firenze affinché prenda il suo posto come sindaco. Al momento in Comune Nardella è vicesindaco, fa le veci del sindaco, ha le deleghe a polizia municipale, personale, casa, sociale, sport e sanità. 
E dal Comune di Firenze se ne sono andati in parecchi.
 Scrive ancora il Fatto Quotidiano: 
Col sindaco in Parlamento se n'è andato l'assessore Rosa Maria de Giorgi, il capogabinetto Luca Lotti (ora sottosegretario all'Editoria), i già citati Bonifazi e Giani, presidente del consiglio comunale. Erasmo D'Angelis, da presidente di Publiacqua a sottosegretario alle infrastrutture. Ai nastri di partenza ci sono ancora Antonella Manzione, direttore generale del Comune e comandante della polizia municipale, nonché sorella di Domenico Manzione sottosegretario dell'Interno prima con Letta e ora con Renzi; il vicedirettore generale Giacomo Parenti e Franco Bellacci, capo segreteria di Palazzo Vecchio, più noto per aver musicato gli appuntamenti di Renzi. Tutti sul treno per Roma.E i lavori a Palazzo Vecchio sono fermi. Bilancio, piano urbanistico, incompatibilità del sindaco e di Nardella. Che deve ancora comunicare alla presidenza della Camera le dimissioni da deputato. Escluso il pericolo Giani, resta l'incognita dello sfidante del centrodestra. Ma Denis Verdini sta scegliendo il candidato ideale e Ncd punta su Gabriele Toccafondi, sottosegretario di Renzi.


http://www.tzetze.it/redazione/2014/03/il_comune_di_firenze_abbandonato_tutti_a_roma_da_renzi/index.html

Commenti

Post più popolari