Nuovo caso sul decreto Carceri

Nuovo caso sul decreto Carceri 

(Guerriero del Risveglio)
Proseguono le giornate infuocate nelle Aule parlamentari e nelle Commissioni dove il Governo cerca di far passare velocemente provvedimenti all’ordine del giorno per permettere alla Legge elettorale di essere discussa il prima possibile senza che vi siano intoppi.
Ed è così che il Governo Letta si conferma essere il nuovo esecutivo “dei voti di fiducia” alla faccia delle polemiche che hanno sempre creato quando a farlo era il Cavaliere. 
Infatti dopo quella sul decreto Imu-Bankitalia del 24 gennaio ora è toccato al decreto Carceri e questo ha creato come sempre una polemica e confusione tale che ha portato le opposizioni a rivendicare il proprio diritto di intervenire e apportare il loro contributo. 
Nulla da fare, la Presidente della Camera ha proseguito sulla linea indicata dal Governo e per alcuni deputati che lo urlano dagli scranni di Montecitorio, come fossero alla stadio, «Stiamo assistendo a una violenza della democrazia da parte della maggioranza nel silenzio delle istituzioni, a cominciare dalla presidente Laura Boldrini, chiaramente inadeguata a svolgere il ruolo che ricopre».
Considerando che il voto di fiducia secondo il nostro dettame dei lavori parlamentari può essere posto se il testo è stato modificato su alcuni punti, in fretta e furia il governo ha deciso di convocare la Commissione per porre alcune proposte di modifica come quella che impedirà ai boss o a chi ha commesso gravi delitti di beneficiare della scarcerazione anticipata speciale (sconto di pena aggiuntivo di 30 giorni a chi è ritenuto meritevole dai giudici di sorveglianza).
L’unica cosa certa quindi è che Franceschini ha confermato in seguito anche in Aula la decisione di mettere la fiducia sul decreto carceri. 
Vedremo se ci saranno altri colpi di scena, non ci resta che attendere per scoprire che ne sarà di questo decreto tanto discusso non per i contenuti ma per le modalità con cui è venuto alla luce.

Guerriero del Risveglio

http://www.signoraggio.it/nuovo-caso-sul-decreto-carceri/

Commenti

Post più popolari