L'appello: "Senza poter rovistare nel bidone coi gratta e vinci usati mi devo prostituire"

L'appello: "Senza poter rovistare nel bidone coi gratta e vinci usati mi devo prostituire"

A Jesi una donna era solita rovistare fra i “gratta e vinci” nella spazzatura alla ricerca di premi non ritirati, scrive il Corriere Adriatico
Corriere Adriatico20 Febbraio 2014
Il gioco è una passione per tantissimi italiani, e il gratta e vinci è la modalità più immediata e più amata da milioni di persone che ogni giorno tentano la fortuna.
A Jesi una donna, racconta Leggo, era solita rovistare fra i “gratta e vinci” nella spazzatura alla ricerca di premi non ritirati.
Proprio grazie a questi ritrovamenti riusciva a racimolare qualche soldo per mangiare e per non prostituirsi.
Scrive il Corriere Adriatico:
Solo che per quei rifiuti spostati da qualcuno il titolare del bar ricevitoria Paoloni di via Gallodoro era stato multato.
 Il titolare ha trascorso alcune notti nella ricevitoria.
 Alla fine, niente più sacchi, dopo aver capito che qualcuno rovistava nella spazzatura.
Una situazione di evidente disagio che ha lasciato senza parole i titolari del bar ricevitoria, ancor di più quando la donna ha scritto una lettera affinché tornassero ad utilizzare il cassonetto.
Succede anche questo "nell'Italia della crisi" economica.

http://www.today.it/rassegna/gratta-vinci-jesi-bidone-spazzatura.html

Commenti

Post più popolari