Al via le trivellazioni delle multinazionali petrolifere in Irpinia. Dopo i No-Tav si costituiscono i No-Triv.

Al via le trivellazioni delle multinazionali petrolifere in Irpinia. Dopo i No-Tav si costituiscono i No-Triv.

 (Bruno Rosso)
Domenica scorsa si è svolta la prima grande manifestazione contro le trivellazioni in Irpinia dopo che la concessione denominata “Nusco” ha consentito ad una società petrolifera di effettuare esplorazioni sul territorio avellinese per un’area di quasi 700 kmq. 
Nel febbraio del 2014 è prevista l’autorizzazione da parte della commissione regionale campana e del Mise (Ministero dello Sviluppo Economico), ultimo iter burocratico prima dell’inizio dei lavori.
Come riportato dal sito globalist.it, la protesta, organizzata dal “Coordinamento irpino no triv – Irpinia beni comuni”, ha raccolto oltre mille manifestanti, aderenti a varie sigle dell’ambientalismo locale e diverse forze politiche, nonché alcuni sindaci del territorio, in testa quello di Gesualdo, ma pure i primi cittadini di Grottaminarda, Montella, Nusco. Dalla cronaca della giornata di Buccino: “partendo dai giacimenti già attivi in Basilicata, le multinazionali hanno ufficialmente richiesto di ricercare ed estrarre il petrolio. Le conseguenze per il territorio irpino, ricco di acqua e a rischio sismico, sarebbero catastrofiche. Senza contare i danni che le attività petrolifere, se malauguratamente attuate, potrebbero causare al settore agricolo e turistico d’Irpinia. A tal uopo e al netto delle divergenze politiche, i cittadini irpini hanno deciso di ribellarsi a tale modello di sviluppo che mira ad un finto progresso ma che, nei fatti, distrugge l’ambiente. L’Irpinia è verde come la natura che la contamina, non nera come il petrolio che si vorrebbe ricercare.
Infine, sarebbe interessante conoscere la posizione ufficiale del Pd regionale ma soprattutto di quello nazionale (vedi governo Letta) visto che alcuni suoi componenti locali erano a manifestare contro le trivellazioni. Non vuol essere assolutamente una “bega politica” questa richiesta di chiarimento ma quando in ballo ci sono l’ambiente e la salute dei cittadini, sarebbe opportuno mettere da parte ogni ambiguità”.

http://www.signoraggio.it/al-via-le-trivellazioni-delle-multinazionali-petrolifere-in-irpinia-dopo-i-no-tav-si-costituiscono-i-no-triv/

Commenti

Post più popolari