chi ha paura dei forconi

chi ha paura dei forconi 

(Signini)

stavolta ci si abbraccia tra poveri e vittime del sistema. Non c’è colore politico… solo esasperazione, sofferenza, rabbia… l’unica richiesta di tutti è quella che nobilita l’uomo, che gli dà dignità di fronte alla società e alla famiglia… il popolo vuole solo il Lavoro
CHI HA PAURA DEI FORCONI??
no… non si può chiamarli Forconi, neanche fosse un’infamia, quelli sono Siciliani e collusi… con la mafia? no con Forza Nuova i Fascisti… come se la lotta per la sopravvivenza avesse un colore… quella nera non vale… ma ci sono anche quelli di Rifondazione Comunista… quelli rossi che più rossi non si può… come se un salario, quando c’è, dipendesse dall’appartenenza politica.
La vera tragedia è oggi nelle case del popolo tutto, senza distinzione politica. Tutti lottano per arrivare a fine mese, per garantire pranzo e cena alla famiglia a costo di andare dignitosamente a mettersi in fila per un pasto caldo alla Caritas… già… una volta parlare di poveri sembrava di circoscrivere un mondo che quasi non ci riguardasse…oggi riguarda tutti noi. Anni di ruberie, malgoverno e decadenza morale indecente hanno messo in ginocchio l’Italia, vittime tutti di dirigenti che hanno preferito farsi gestire come burattini per accreditarsi davanti all’Europa e hanno accettato ogni condizione, persino contro gli interessi dell’Italia. Siamo un popolo di grande creatività, che vive di turismo, agricoltura, imprenditoria, artigianato, pesca. Ci hanno costretto a norme europee penalizzanti con una moneta unica che alla lunga ha mostrato il disegno fallimentare, politiche economiche contro i nostri interessi in virtu’ di accordi che privilegiano le nazioni più ricche… o più capaci di tutelare i propri interessi… 

Ma in questi giorni il popolo si è come svegliato dal torpore. Anni di disinformazione mediatica finalmente accantonati da sprazzi di verità: l’Unione Europea che impone la politica economica, la BCE che ci costringe a comprare la nostra valuta e non ci permette autonomia, gli eurocrati, i banchieri e le banche che non danno più prestiti e costringono le imprese a chiudere, Queste sono le verità che il popolo grida nelle strade, finalmente unito! Perché la povertà fa’ accantonare l’ideologia e cerca solo l’obiettivo, identifica il nemico da abbattere e persegue lo scopo, in modo disordinato, ingestibile, spontaneo e mira al cuore del sistema: la classe dirigente politica, l’Europa dei banchieri, non quella dei popoli! 

E la classe dirigente ha paura… e crede, ripropone le fazioni che il popolo non sente e non vuole. “Attenzione ai Fascisti… attenzione alle infiltrazioni dei Black Bloks… attenzione agli estremisti” I politici pensano di continuare nel ”divide et impera” ampiamente e scientemente usato per fomentare lotte fratricide tra poveri ma stavolta non funziona! E’ vero: ci sono i Fascisti… ci sono i Comunisti… ci sono i Grillini…ci sono tutti… ognuno di noi ha un percorso politico personale che non rinnega, ma stavolta l’obiettivo è più importante… stavolta ci si abbraccia tra poveri e vittime del sistema. Non c’è colore politico… solo esasperazione, sofferenza, rabbia… l’unica richiesta di tutti è quella che nobilita l’uomo, che gli dà dignità di fronte alla società e alla famiglia… il popolo vuole solo il Lavoro… Questa classe dirigente ha sbagliato e non capisce…continua a non capire…la strada non accetta più nulla da un governo illegittimo che ripropone tasse e austerità… per questo i Forconi, il Coordinamento, i colori tutti… gli Italiani hanno deciso che se ne devono andare!

Di: Patrizia Rametta.
http://www.signoraggio.it/chi-ha-paura-dei-forconi/

Commenti

Post più popolari