"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

lunedì 30 marzo 2015

Germanwings, piloti kamikaze, manchurian candidate

Germanwings, piloti kamikaze, manchurian candidate 

L’abbattimento del Germanwings mi ha riportato alla mente la morte di John Kennedy Jr., documentata in una serie di 11 video Youtube che ho sottotitolato alcuni anni fa (e che linko sotto come esempio di analisi giornalistico-investigative efficace, completa ed appassionante). 
Anche lì un aereo, senza nessuna apparente spiegazione logica, puntava direttamente verso terra (mare in quel caso) e, senza apparente spiegazione, si inabissava, causando la morte dell’aspirante candidato alla presidenza degli Stati Uniti (lasciando via libera a Bush), di sua moglie e di sua cognata. 
Come si evidenzia nel documentario, la spiegazione più verosimile è che si sia trattato di un attentato portato a termine grazie ad un kamikaze preprogrammato, che nel gergo si chiamano Manchurian
Candidate,dal nome dell’omonimo film, che porto l’aereo ad inabissarsi.



Nel caso odierno, apparentemente, la spiegazione è molto più “semplice“, se così si vuole dire. In realtà le anomalie ci sono tutte, e se si va a scavare, si scopre una specie di struttura “a cipolla“. Esiste uno strato superficiale, quello che viene propagandato da TV e giornali di rappresentanza ufficiale; poi esiste una versione immediatamente sottostante, un pochino più nascosta, alternativa; ma probabilmente esistono altri livelli, ancora più nascosti e sconosciuti ai più.
Spiegazione “ufficiale“: un pilota depresso decide di suicidarsi, incurante del fatto che questo gesto porta alla morte altre 149 persone.
 Un bel fardello con cui presentarsi al Creatore: pazienza la propria morte, ma l’omicidio di altri 149 innocenti? 
Vebbeh, chissà cosa passa per la mente di un depresso!

Prime considerazioni “alternative“ (primo livello sottostante): esistono strane coincidenze.
 Come ad esempio un cortometraggio del 2014, in cui un pilota decide di chiudersi nella cabina (come Lubitz) e far precipitare l’aereo, con tutti i suoi passeggeri. 
Come non ricordare che anche in altri casi un flm (o più film) avevano anticipato un evento di cronaca? 
 E la prima tentazione è quella di dire: “Vedete? Gli Illuminati, quelli che governano il mondo in maniera occulta, hanno un tale potere che si permettono addirittura di “preannunciare” le loro azioni: un modo per ribadire, in maniera trasversale, il loro potere.

Ma poi esiste un’altra interpretazione. 
Se si va a leggere, ad esempio, quanto riportato da Nicoletta Forcheri su Stampalibera, sembra che (fonte: Ministero della difesa Russo) l’Airbus sia finito vittima di un’arma americana (“Un test USA avrebbe distrutto l’aereo della Germanwings”).
 Pare che alcune fonti …“sembravano indicare che l’abbattimento del Volo 4U9525 della Germanwings, nel sud della Francia sia il “risultato diretto” di un fallito test dell’US Air Force con il suo High Energy Liquid Laser Area Defense System (HELLADS).”
E sull’esistenza di armi incredibili, capaci di disintegrare a distanza ad esempio il milione e duecentomila tonnellate di materiale delle torri gemelle
A questo punto risulterebbe invece che il “preannuncio” ad opera dei film sia soltanto un’abile opera di depistaggio: come ho anche scritto nel libro “Ingannati“, si cerca di anticipare, con un film (in modo tale da non destare nessuna polemica o contradditorio: tanto è un film, è invenzione, cosa vuoi contestare?) una idea, un fatto, uno scenario; in modo tale che poi, quando tale scenario si avvererà, sarà già stato “impiantato” nell’immaginario collettivo come assolutamente credibile e verosimile: era stato in qualche maniera già visualizzato e digerito dal grande pubblico.

 Da questo punto di vista si possono notare altre coincidene “curiose“, perlomeno: ultimamente la grande filmografia americana propone polpettoni dove l’idea è che la razza umana sia un “sottoprodotto“, venuto male, di una civiltà aliena molto più evoluta; e di lì a breve il buon Bergoglio che accenna alla possibilità di altre creature extraterrestri.
 Ma qui si rischia di divagare troppo.
Tornando a noi, cosa si può trarre da tutto ciò?
 La verità è nascosta sotto strati di coperture successive; e chi architetta tutto questo, ha già pronte due o tre versioni alternative (ma ugualmente false) per continuare a depistare (è, in fondo il lavoro sporco dei gatekeeper).
Conoscendo le reazioni che certe notizie, date in un certo modo, si potranno ottenere, è possibile condurre le persone a desiderare qualsiasi cosa: anche di andare in guerra, ad esempio contro un nemico opportunamente costruito ad arte.
 Almeno, non diamogliela vinta tanto facilmente e rendiamogli la vita un po’ più complicata.




http://indacoreportage.blogspot.it/

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...