"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

giovedì 29 maggio 2014

Spagna-la troika ordina nuovi sacrifici e massacro sociale

Spagna-la troika ordina nuovi sacrifici e massacro sociale


I sacrifici chiesti dalla troika non finiscono mai, come gli esami.
 E a poche ore dalla chiusura dei seggi per le elezioni europee il Fondo Monetario Internazionale ha chiesto ad un governo di destra appena delegittimato dalla urne – il PP ha perso milioni di voti – di inasprire le politiche di #austerity adottate negli ultimi anni e rivelatesi fonte di un massacro sociale senza precedenti.
Nella fattispecie il #Fmi ha chiesto al premier Mariano Rajoy di liberalizzare i pochi servizi pubblici ancora sotto il controllo dello stato o delle amministrazioni locali, di abbonare i debiti delle imprese nei confronti della pubblica amministrazione, di aumentare di nuovo l’Iva e di approfondire l’opera di deregulation del mercato del lavoro già ampiamente intrapresa, facilitando i licenziamenti e precarizzando i rapporti di lavoro.
 E questo nonostante l’istituzione internazionale riconosca che “Madrid ha superato la fase più grave della crisi”. 
La crisi può essere anche in via di superamento – il che, basti vedere alcuni dati economici minimi, non è vero – ma comunque le classi sociali meno abbienti vengono chiamati di nuovo a pagarne le conseguenze. 
Secondo il Fmi infatti le leggi adottate dal governo Rajoy negli ultimi anni che hanno portato ad un aumento della precarietà, ad una facilitazione dei licenziamenti e ad una diminuzione dei sussidi di disoccupazione hanno ‘dato i loro frutti’, trasformando la distruzione dei posti di lavoro in creazione di posti di lavoro. 
Peccato che nel primo trimestre del 2014 in Spagna siano stati distrutti ancora decine di migliaia di posti di lavoro. 
Ma comunque lo scorso aprile l’istituzione diretta da Christine Lagarde ha migliorato di tre decimali le previsioni di crescita del pil spagnolo nel 2014 portandolo allo 0.9% e e di due decimi nel 2015, portandolo rispettivamente all’1%
tutto questo , e' stato legittimato in parte anche dal forte risultato elettorale italiano  che bolla la nazione italia  come paese traditore nella sfera dei paesi europei
.http://contropiano.org/internazionale/item/24279-il-fmi-a-madrid-liberalizzate-i-servizi-aumentate-l-iva-annullate-il-debito-alle-imprese
IN QUESTO BLOG I COMMENTI SONO DISABILITATI, SE SEI INDIGNATO E/O VUOI OFFENDERCI VUOI LASCIARE IL TUO PENSIERO PUOI UTILIZZARE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...