"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

lunedì 5 maggio 2014

#Quanti sindacalisti di sinistra controllano il Parlamento con il voto

#Quanti sindacalisti di sinistra controllano il Parlamento con il voto


E così si scopre che lo stessi Renzi che ora, sempre con le parole, afferma di voler contrastare quell’immobilismo creato dai ‘conservatori’ che si troverebbero anche tra le fila della Cgli, Cisl e Uil nella realtà dei fatti all’interno del suo esecutivo ha scelto un numero considerevole di attuali ed ex sindacalisti.
 Quello che più impressiona è che però realmente questa categoria tiene in mano le sorti del Paese, non tanto per le azioni che vengono create nelle Piazze e con gli scioperi organizzati, ma all’interno dello stesso Parlamento considerando il numero delle loro presenze.
Ricordando infatti che in parecchie votazioni, come quelle sulla fiducia o decreti particolarmente discussi, anche tre voti fanno la differenza, il fatto che i sindacalisti-deputati eletti alla Camera siano più di una trentina e a questi bisogna aggiungere una altra decina di sindacalisti-senatori, capite che la differenza è fatta anche per quanto riguarda la loro influenza sulle riforme e quindi le decisioni che ci riguardano da vicino.
Renzi quindi dovrebbe star ben attento a come si interfaccia con i Sindacati, in quanto la durata del suo governo dipende anche dagli stessi Sindacati e anche se dice che per le prossime elezioni ” la mia previsione è il 2018″ noi gli consigliamo di controllarsi bene alle spalle perché una pugnalata potrebbe arrivargli da un momento all’altro anche da chi meno se lo aspetta.
Sarà forse anche per la paura che gli amici sindacalisti di sinistra e i suoi antagonisti interni vengano a far mancare i voti alle Europee, per far credere in un flop del suo governo e quindi suo personale come Segretario, che Renzi mettendo le mani avanti afferma: ” la legittimazione popolare non l’avrò mai, neanche se il Pd stravincesse le Europee.
 A questo giro è andata così, mi basta la legittimazione dei costituzionalisti prevista dalle norme vigenti”. 
Un po’ come dire, che vadano bene o male le elezioni a me non cambia nulla, ora la poltrona ben stretta me la tengo…
Guerriero del Risveglio
http://www.signoraggio.it/quanti-sindacalisti-di-sinistra-controllano-il-parlamento-con-il-voto/

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...