"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

lunedì 12 maggio 2014

La politica dei senza vergogna è avida e vorace

La politica dei senza vergogna è avida e vorace

Graziano Fornaciari
La politica è l’arte di governare gli Stati amministrando la cosa pubblica, e la distanza che intercorre fra l’etimo di questa parola e ciò che invece viene agito in pratica è ormai abissale, visto che trattenere per sé è normale, lo stesso vale per il bisogno di prevaricare il prossimo.
Il politico è impudente e non sente vergogna, espressione di un male sempre più visibile.
 La vergogna è quella perturbazione umiliante che prova l’animo consapevole di commettere, o di aver commesso una azione disonorevole, emozione che nel politico fa curriculum.
Il male ha bisogno di una smodata attenzione, e l’unico suo intento è di crearne di ulteriore, rendendoci incapaci di reagire.
 Siamo spettatori di una rappresentazione che si svolge davanti ai nostri occhi, ma è come se avessimo davanti degli illusionisti del gioco dei tre bicchieri senza mai scoprire dove si trova la pallina.
In ordine sparso e lungi dall’essere completo abbiamo un elenco di personaggi veramente interessanti sul palcoscenico nazionale. 
Berlusconi è “fantastico”, ormai svuotato di ogni umanità continua la sua opera rassicurandoci che entro 6 anni tornerà in parlamento. 
Grazie Silvio del pensiero ma fa lo stesso, goditi il cagnetto Dudu, la fidanzatina Pascale, fai un po’ di volontariato, comincia a frequentare i giardinetti e vedrai che tutto andrà per il meglio.
Un altro personaggio assurto agli “onori” della cronaca è Marcello Dell’Utri che ha trovato il Libano per “caso”, e il fatto che abbia una condanna in via definitiva a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa è “casuale”.
Ricordo bene quando qualche anno fa in una trasmissione televisiva disse che era mafioso, certo è stato un lapsus, ma quanto è vero quel detto che dice che le meraviglie si attaccano. 
Nel frattempo si dichiara prigioniero politico, e vorrebbe scontare la pena ai sevizi sociali rammaricandosi che vista la sua condanna per mafia potrà assistere solo i carcerati e non i vecchietti.
L’altro è Scajola, una persona che ha cura degli amici, come ha fatto con Amedeo Matacena, un condannato per mafia, al quale voleva rendere sicura la latitanza. 
Siamo in presenza solo di un gesto d’amicizia, come quello che fece a Marco Biagi definendolo un rompicoglioni e togliendogli la scorta.
Lui la scorta ce l’aveva e in una bella foto dell’anno scorso si vedono gli agenti trattati come camerieri, facendo parcheggiare la macchina in una zona pedonale e transennata per pigliarsi un caffè in piazza del Popolo a Roma, dove non potevano passare neanche le ambulanze.
 Per non parlare della casa pagata a sua insaputa, il male sa essere anche ridicolo quando cerca di svincolarsi da un po’ di chiarezza.
Il male è radicato nella nostra società e la politica ne è un veicolo di espressione. 
I tre esempi che ho portato sono tre dei tanti punti di contatto che il male possiede per inquinare le coscienze.
 Avidi e voraci scavano sempre più in profondità per trovare le gemme che diano lustro al loro lignaggio perverso, incuranti del bene comune e intenti a deviare ogni risorsa all’accrescimento di questo pantano nel quale possano sguazzare nascondendosi.
Il male consente di arricchirsi, mentre facendo il bene si fa solo la parte dei coglioni, questo è il messaggio che si vuole far passare, così da creare un sistema di connivenza attraverso il quale le persone possano essere ricattabili.
Il bene è invece coerenza, e questa politica non è in grado di esprimerla. Solo la Rinascita dell’Italia attraverso l’Amore potrà consentirlo. 
Senza urla, grida, minacce, ma in maniera assolutamente pacifica possiamo crescere esprimendo la nostra umanità. 
Questi esseri non sono umani, l’umanità si comporta diversamente avendo cura del prossimo.
Il potere fa parte della ricerca umana, ma questi non sono modelli da seguire, perché il vero potere non è mai disgiunto dall’amore.
 Dove la vita ci ha collocati riappropriamoci della nostra umanità, riappropriamoci della Vita.
IN QUESTO BLOG I COMMENTI SONO DISABILITATI, SE SEI INDIGNATO E/O VUOI OFFENDERCI VUOI LASCIARE IL TUO PENSIERO PUOI UTILIZZARE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...