"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

domenica 11 maggio 2014

Expo-ladri di partito, poi si lamentano se vince Grillo

Expo-ladri di partito, poi si lamentano se vince Grillo


Ma come, c’è l’Expo e non rubano?
 Niente paura: «Oggi sono più tranquillo, adesso i conti tornano: se c’è un appalto c’è una tangente, è tutto perfettamente simmetrico». 
Soprattutto, per Aldo Giannuli, «consola vedere certi nomi ancora su pista: Greganti, Frigerio».
 Lo scandalo Expo? «E’ solo all’inizio, vedrete che altro verrà fuori. 
Ma già si profila uno scenario impressionante». 
Mani Pulite?
 Non è servita a niente, o quasi: «I sistemi sono quelli di sempre, l’architettura di potere è la stessa, persino gli uomini sono gli stessi, passati come salamandre attraverso il fuoco di inchieste e condanne.
 Poi, la cosa è tanto più marcia ove si consideri il fiume di soldi di finanziamento pubblico che i partiti hanno preso in questi anni.
 Cifre da sei a otto volte superiori a quelle del tempo di Mani Pulite, erogate proprio in nome della lotta alla corruzione, per mettere i partiti in condizione di fare politica senza fare imbrogli: ecco i risultati».
Stavolta è peggio, dice Giannuli nel suo blog, perché la storia si intreccia con lo scontro tutto milanese tra il procuratore Edmondo Bruti Liberati e il suo vice Alfredo Robledo.
 Per di più, «lo scandalo avviene su un palcoscenico che assicura la massima risonanza internazionale». 
E tutto questo, non negli anni della “Milano da bere”, quando l’Italia (della lira sovrana) «ruggiva dalla posizione di quinta potenza industriale del mondo». 
Il nuovo bubbone scoppia «nel momento di massima decadenza, di una Italia scivolata all’ottavo posto e con prospettive di uscire a breve dalla “top ten” dell’economia mondiale in pochissimi anni», grazie al regime recessivo imposto dai signori dell’Eurozona, quelli dell’austerity miracolosa. 
In attesa di accertare le eventuali responsabilità penali degli indagati, Giannuli registra che – in vent’anni, dopo Tangentopoli – non è stato fatto assolutamente nulla per contrastare la piaga della corruzione, del legame politica-affari.
 Pd e centrodestra assolutamente solidali: poi si lamentano dei voti a Grillo.
Greganti e Frigerio sarebbero stati essenzialmente dei mediatori fra aziende e centro decisionale di spesa? 
Va bene, «ma chi rappresentavano?». 
Cioè: «Da dove veniva la loro forza di condizionamento delle scelte? 
Non ci vuole molta fantasia per capirlo».
 Quando venne arrestato nel 1993, ricorda Giannuli, Greganti si assunse tutta la responsabilità della tangente contestatagli, salvando il suo partito, il Pci-Pds.
 Poi, quando Di Pietro per l’ennesima volta gli negò la libertà provvisoria dicendogli che sarebbe rimasto dentro sino a quando non avesse parlato, il “Compagno G” rispose: «Dottore, nella Pasqua del Sessantotto venni inviato dal mio partito in Grecia, per una missione di appoggio alla resistenza greca. Venni individuato dalla polizia dei Colonnelli,arrestato e torturato perché rivelassi i miei contatti greci.
 E non parlai».
Come dire che un uomo così «non fa certe cose per lucro personale».
 Al contrario, «è un professionista che sa quali sono i rischi e li accetta».
 E, forse, «lo fa anche per profonda adesione ideale: dunque, deve avere un committente». 
Quindi, «mi volete dire per chi sta lavorando ora?». 
Domande inevitabili: il Pd non c’entra nulla? 
«Siamo sicuri che il mondo delle cooperative non c’entri nulla?».
 Quanto a Forza Italia, lo scivolone di Milano «rischia di essere la pietra tombale sulle speranze di riscossa e l’avvio di una frana irrimediabile», tanto più che va a coincidere con l’arresto di Scajola dopo quello di Dell’Utri: «Tutte le strade portano a Beirut, piove sul bagnato».
 Certo, conclude Giannuli, «Grillo ha una fortuna sfrontata: l’anno scorso lo scandalo Mps a tre settimane dal voto. 
E oggi, sempre a tre settimane dal voto, questo scandalo che mette insieme i suoi due maggiori concorrenti».
http://www.libreidee.org/2014/05/expo-ladri-di-partito-poi-si-lamentano-se-vince-grillo/?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=feed+%28LIBRE+-+associazione+di+idee%29
IN QUESTO BLOG I COMMENTI SONO DISABILITATI, SE SEI INDIGNATO E/O VUOI OFFENDERCI VUOI LASCIARE IL TUO PENSIERO PUOI UTILIZZARE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...