"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

giovedì 1 maggio 2014

1 maggio: “Festa della disoccupazione”

1 maggio: “Festa della disoccupazione”

Con il 12,7% di disoccupazione complessiva e 42,7% per i giovani il 1 maggio sembra la “Festa della disoccupazione”. Il processo di deindustrializzazione va avanti senza un progetto di investimenti per il futuro. Disoccupati, cassintegrati e scoraggiati sono in aumento come anche coloro che decidono di espatriare per trovare lavoro all’estero.
Certo lo spread è sceso, ma a quale costo? Le misure di austerità e rigore, le riforme del mercato del lavoro e delle pensioni, la maggiore tassazione sugli immobili, questo ed altro insieme alla crisi economica più grave dal dopoguerra hanno portato ad una situazione a dir poco allarmante. Riforme di austerità e rigore che hanno impoverito tanti cittadini europei, hanno impoverito le classi medie e hanno portato tante persone a vivere condizioni di assoluta indigenza. E poi ci sono i garantiti, i raccomandati, i segnalati, i favoriti etc. che vanno avanti grazie alla “peste rossa” o grazie al voto di scambio politico-elettorale portato avanti da qualsiasi fazione politica. Invece degli 80 euro ci vorrebbe un provvedimento shock atto ad incentivare la spesa pubblica “buona” non quella degli sprechi: gli 80 euro poi solo ad alcune categorie fregandosene delle altre e soprattutto delle partite IVA che subiscono oltre “al danno pure la beffa” di non essere garantiti allo stesso modo di altri e anche di non ricevere i famosi 80 euro. I pensionati ancora una volta bistrattati e gli incapienti che sono quelli che veramente “ne hanno bisogno” esclusi dal provvedimento. Gli annunci, gli slogan, le promesse, la distrazione mediatica per allontanarci da quelli che sono i veri problemi del paese: di disoccupazione se ne parla certo ma non in modo dovuto…. Il nostro paese ha un patrimonio artistico e paesaggistico inestimabile e non si investe su questo mentre si “regalano” soldi solo a fine elettorale… Il primo di maggio quindi non c’è proprio niente da festeggiare e c’è solo da stendere un velo pietoso sulla politica e sulle classi dirigenti che hanno portato il nostro paese in un declino dai connotati terrificanti.
http://terrarealtime.blogspot.it/2014/05/1-maggio-festa-della-disoccupazione.html
http://systemfailureb.altervista.org/1-maggio-festa-della-disoccupazione/

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...