"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

martedì 22 aprile 2014

Vai in pensione? Allora ti dico quando schiatti…

Vai in pensione? Allora ti dico quando schiatti…

 Massimo Rodolfi 
Georg Osborne… chissà che aspettativa di vita ha lui? La pensione invece sicuramente non sarà bassa!
Va bè, sarò anche fatto male, però io a certe cose non mi rassegnerò mai, cose che inoltre trovo scandalose. 
Segno dei tempi, ma qui ci stanno sempre più disumanizzando, trattandoci veramente come bestiame, vacche da mungere finché producono, e da macellare quando non servono più.
Qualche giorno fa, ho sentito che cosa hanno approvato in Inghilterra con la riforma delle pensioni. 
Intanto, ormai la tendenza è quella di far lavorare una vita le persone, perché debbono produrre reddito, visto poi che l’aspettativa di vita si è allungata, sai com’è, il problema diventa: “chi paga la pensione a tanta gente, che si permette il lusso di campare così tanto tempo, dopo che ha lavorato solo una vita?”
Insomma, la ‘genialata‘ del cancelliere dello Scacchiere George Osborne, giovane conservatore d’assalto, fra le tante che sarebbero da criticare della sua riforma, è stata quella di comunicare al ‘pensionando’ oltre all’importo di quello che gli spetterà come pensione, anche l’aspettativa di vita, ossia quanto, ipoteticamente gli rimane da vivere.
Voglio dire, in un contesto nel quale, in fin dei conti, tutto deve essere razionalmente quantificato, dal punto di vista finanziario, perché non dare questa informazione, carica di allegria, al pensionato, sicuramente triste, vista la rata della sua pensione?
L’aspettativa di vita può ragionevolmente essere calcolata in base alle abitudini di vita, e una serie di altri parametri noti, quindi perché non mettere tutti al corrente di quando probabilmente faranno lo schioppone? E mi sembra anche giusto che questa nuova tendenza umanitaria del sistema pensionistico inglese, venga estesa anche agli altri paesi.
 Sai, il progresso!
Quando ho sentito questa notizia, mi è subito venuta voglia di scrivere al nostro Osborne, per metterlo al corrente di una cosa. Gli avrei scritti: “Gentilissimo Signor Ministro, ho consultato la mia sfera di cristallo, e le comunico che fra tre anni lei ci lascerà prematuramente per un infarto del miocardio, causato dalla sua ansia e preoccupazione nei confronti dei suoi amati pensionati.
 Ho voluto informarla, in modo che lei possa prendere adeguate misure, che le consentano di ottimizzare le sue risorse finanziarie.
 Con grande affetto, e riconoscenza per la sua opera umanitaria, le confermo che rimarrà per sempre nei nostri cuori… per quel poco che potranno battere ancora.”
Al di là dello scherzo, veramente non ci rendiamo conto di che cosa ci stanno facendo? 
Vogliamo veramente permettergli qualsiasi cosa a queste sanguisughe attaccate alla nostra giugulare? 
Questi sono grandi criminali transnazionali, che mentre dirottano enormi ricchezze nei loschi traffici che stanno dietro alla finanza internazionale, spolpano interi popoli, letteralmente giocando con la vita di tutti noi, pigliandoci anche ampiamente per il culo, oltre che trattarci come animali.
E questo, in Inghilterra l’hanno fatto cancelliere dello Scacchiere, d’altronde ognuno ha il Pier Carlo Padoan che si merita… pare poi, che il nostro bel George, sia anche stato membro permanente del Bilderberg dal 2006 al 2009, una delle tante ramificazioni del governo occulto del mondo, detto anche Nuovo Ordine Mondiale.
Non siamo stanchi di essere sottomessi a una tale genia di disumani? 
Noi, a milioni, lavoriamo per farci fottere la ricchezza che produciamo da questi vampiri dell’umanità, che riescono anche a persuaderci che lo fanno per il nostro bene, perché dobbiamo fare sacrifici, e per prima cosa dobbiamo tenere i conti in ordine.
In verità, io a casa mia ci riesco abbastanza bene a tenere i conti in ordine, se poi non ci fossero ste cavallette, ce la farei anche meglio. Stiamo attenti, perché il ‘progresso‘, ci mette niente ad arrivare anche a casa nostra. Già anche in Italia ci hanno rovinati, manca poco, e ci diranno, con una certa soddisfazione, quanto ci manca prima di morire.
 Continuando così, è certo che la morte sopraggiungerà per fame.
Il nostro ministro delle Finanze… chissà che cosa ha in mente?

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...