"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

giovedì 17 aprile 2014

SCORIE NUCLEARI NEL GOLFO DI LA SPEZIA: ECCO LE PROVE SCIENTIFICHE DELL'INQUINAMENTO DA PLUTONIO, 239 E 240, CESIO 137 E COBALTO 60

-SCORIE NUCLEARI NEL GOLFO DI LA SPEZIA: ECCO LE PROVE SCIENTIFICHE DELL'INQUINAMENTO DA PLUTONIO, 239 E 240, CESIO 137 E COBALTO 60-

La Spezia: scorie radioattive - foto Gianni Lannes (tutti i diritrti riservati)
di Gianni Lannes
Nel 1978 alcuni studiosi hanno rilevato inquinamento radioattivo nel Mar Mediterraneo. Nei primi anni '80 scienziati italiani hanno scoperto addirittura il plutonio 239 e 240, nonché il Cesio 137 e il Cobalto 60 nel mare di La Spezia, ad un soffio dalla riva spezzina.
Il plutonio è notoriamente un radionuclide artificiale, prodotto di fissione nucleare. Ha un tempo di dimezzamento pari a 24 mila anni. Può causare cancro, malformazioni e mutazioni genetiche. Anche Cesio 137 e Cobalto 60 non scherzano con la vita. Chi li ha scaricati nel golfo dei poeti? La centrale nucleare militare di San Piero a Grado (ex Camen, ex Cresam, infine Cisam)? Oppure si tratta di un perdita dei sommergibili a propulsione ed armamento nucleare della NATO che sostano illegalmente a La Spezia da decenni? 
Prove alla mano lo Stato italiano, o meglio i governi tricolore, a livello locale e nazionale sono sempre al corrente, ma non hanno mosso un dito per salvaguardare la vita della popolazione, tantomeno l'integrità dell'habitat marino. Gli esperti di turno, poi, non hanno trasmesso queste scoperte incredibili all'opinione pubblica, ma le hanno sepolte nei cassetti accademici oppure hanno preferito minimizzare il grave fenomeno.
Vi invito a leggere il seguente studio pubblicato su una rivista scientifica inglese nel 1985. Purtroppo non è l'unica prova.
C. D. Jennings, R. Delfanti and C. Papucci, “The Distribution and Inventory of Fallout Plutonium in Sediments of the Ligurian Sea near La Spezia, Italy”. 
Roberta Delfanti and Carlo Papucci, “Mediterranean Sea”. ENEA-Marine Environment Research 
Centre, La Spezia, Italy. 

riferimenti: 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...