"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

mercoledì 23 aprile 2014

#Le vittime della Troika in Grecia hanno nomi e cognomi- E NOI? STIAMO A GUARDARE?#

#Le vittime della Troika in Grecia hanno nomi e cognomi- E NOI? STIAMO A GUARDARE?#
"Più di 1,3 milioni di persone che vivono in Grecia non hanno un lavoro. Questo numero si riferisce solo ai lavoratori dipendenti. 
Gli autonomi non sono registrati nel numero ufficiale dei disoccupati. 
Le persone senza un lavoro non hanno assicurazione sanitaria, ma possono avere malattie e condizioni che richiedono un trattamento. "Tre milioni di persone che vivono in Grecia non hanno accesso al sistema sanitario", dice il dipartimento greco dell'organizzazione umanitaria Medecins du Monde (MdM). Non sono numeri, sono nomi. Alcuni esempi documentati da MdM:
- Thodoris X., 45 anni, con un cancro in stato avanzato, ha bisogno di una tomografia computerizzata, richiede chirurgia e chemioterapia, ma non ha l'assistenza sanitaria che possa fornirgli il trattamento.
- Nicoletta B., 4 anni, soffre di crisi epilettiche, madre disoccupata, ha bisogno di una scansione cerebrale e test di laboratorio, medicine e vaccini, e non c'è assistenza sanitaria dove possa trovare un riparo.
- Aggelos G., 6 anni, soffre di diabete mellito di tipo 1.Genitori disoccupati. Ha bisogno di controlli dei livelli di diabete diverse volte al giorno. Ha bisogno di insulina e di un'alimentazione appropriata. Vive in una casa senza elettricità e senza riscaldamento. Ha bisogno di frequenti cure mediche per sopravvivere durante la sua infanzia. Non c'è un'assistenza sanitaria che lo copra.
- Giorgios X., 50 anni, ha una malattia intestinale cronica, è disoccupato con una famiglia. Ha bisogno di test di laboratorio e biopsia. Ha bisogno di medicinali e controlli medici per le complicazioni della sua malattia. Non ha accesso ad alcun sistema sanitario."

E QUI MI SORGE UNA DOMANDA SPONTANEA, E NOI ? STIAMO A GUARDARE?
 LO SO CHE SIAMO UN PAESE IN CRISI, LO SO CHE ANCHE LA NOSTRA SANITA' E' MALANDATA, MA CREDO CHE SIAMO COMUNQUE IN GRADO DI DARE UNA MANO.
PERCHE' NON RINUCIAMO AGLI F 35 E NON RICONVERTIAMO UNA PORTAEREI  IN NAVE OSPEDALE CON LABORATORI E SALE CHIRURGICHE, E LA POSTEGGIAMO DAVANTI AL MARE DELLA GRECIA, E CON QUALCHE ELICOTTERO FACCIAMO UN PONTE AEREO DALLA COSTA ALLA NAVE PER I CASI PIU' DISPERATI? POSSIAMO FARE ANCHE UN PONTE AREO CON AEREI CARGO DELL'AREONAUTICA MILITARE CHE PORTANO MEDICINALI E RIFORNIMENTI, MAGARI DONATI DA QUALCHE PAESE EUROPEO, CAZZO... MANDIAMO I MILITARI IN MISSIONE NEI PEGGIO POSTI DEL MONDO AD AMMAZZARE LA GENTE E NON SIAMO IN GRADO DI FARE QUESTO? 
MA NON CI VERGOGNAMO DI LEGGERE QUESTE COSE E RIMANERE IMPASSIBILI?
DITELO A RENZI

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...