"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

mercoledì 26 marzo 2014

Le forze dell’ordine al governo: «No ai tagli alla sicurezza»

Le forze dell’ordine al governo: «No ai tagli alla sicurezza»

Le forze dell’ordine dicono no a tagli sulla sicurezza, sottolineando come sia «rischioso ridurre gli organici, no alla fusione dei Corpi». In una relazione presentata a Palazzo Chigi, da polizia, carabinieri e guardia di finanza, sono
emerse le criticità in merito al piano di spending review, di cui il Corriere della Sera ha riportato alcuni passaggi.
RELAZIONE DI 50 PAGINE. La relazione riservata, consiste in 50 pagine, più allegati. «Le forze di polizia», recita il documento secondo quanto riferito dal Corsera, «in quanto chiamate a garantire la sicurezza, bene indefettibile e precondizione di ogni diritto, sono a un bivio molto delicato e ulteriori azioni di ‘cost reduction’ che dovessero essere individuate non potranno ancora impattare sul personale o, attraverso ulteriori tagli lineari, sui capitoli di bilancio già sofferenti, se non con un preoccupante abbassamento degli standard operativi».
QUESTIONE DI CONTI. E ancora: «Il generale obiettivo di riduzione della spesa nel bilancio dello Stato corrisponde a 32 miliardi di euro, pari al 4 per cento. Tale quota, riportata alla componente di pertinenza del Dipartimento di Pubblica Sicurezza, pari a 7 miliardi e 800 mila euro, potrebbe corrispondere per il 2014 a un’ipotesi di risparmio di 313 milioni di euro oppure, se calcolata sulla quota di 836 milioni di euro per i soli consumi intermedi, di 33 milioni di euro».
«La seconda ipotesi», continuano le forze dell’ordine, «è sicuramente quella più realisticamente percorribile perché riguarda le risorse non destinate al personale rispetto al quale non è più possibile immaginare ulteriore compressione senza determinare impatti fortemente critici sulla funzionalità minima della struttura, già sensibilmente intaccata dai blocchi di turnover e contrattuali che cominciano a determinare difficoltà di gestione degli organici e della necessaria motivazione del personale».

http://www.signoraggio.it/le-forze-dellordine-al-governo-no-ai-tagli-alla-sicurezza/
fonte: http://www.lettera43.it/economia/macro/le-forze-dell-ordine-al-
governo-no-ai-tagli-alla-sicurezza_43675125328.htm



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...