"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

domenica 23 febbraio 2014

RAPINA IDROCARBURI: NORTHERN PETROLEUM STUPRA IL MARE ADRIATICO GRAZIE ALLO STATO ITALIANO

RAPINA IDROCARBURI: NORTHERN PETROLEUM STUPRA IL MARE ADRIATICO GRAZIE ALLO STATO ITALIANO


Gargano (dicembre 2009). capodogli trucidati - tutti i diritti riservati
di Gianni Lannes
Nell'Italia corrente al peggio non c'è mai fine.
 Dove occidente e oriente si intrecciano, si mescolano, si fondono nel paesaggio mediterraneo.
 Una delle ultime aree incontaminate del Mare Adriatico, al largo di Otranto, Giurdignano, Melendugno, Otranto, Uggiano la Chiesa, ha le ore contate.
 Infatti, il 9 gennaio 2014, come al solito e come sempre, il ministero dell’Ambiente, ovvero il Comitato per la valutazione di impatto ambientale (un mero eufemismo) ha espresso due pareri positivi in relazione ai permessi di ricerca "d 72 F.R. NP", e "d 71 - F.R. NP". 
Ecco cosa attesta testualmente il sito del ministero, a proposito della procedura di VIA: 
"Positivo con prescrizioni esclusivamente per quanto attiene la ricerca sismica con tecnica di air gun con rilevamento sismico 2D".
"Positivo con prescrizioni limitatamente alla sola prospezione geofisica con tecnica di air gun e rilevamento sismico 2D".
Si tratta di un’area marina estesa per 1.373,2 chilometri quadrati. I primi a pagare saranno i cetacei, i mammiferi marini già colpiti con la strage nel dicembre 2009 di sette capodogli sul Gargano. E dire che che nell'ottobre dell'anno 2008 avevo anticipato con un inchiesta pubblicata dal quotidiano La Stampa, quello che sarebbe accaduto al "nostro mare", registrando un disinteresse generale che perdura. La legislazione ambientale italiana, è semplicemente vergognosa: simili affronti all'ecosistema naturale devono essere banditi per sempre, come i comitati tecnici di orientamento politico, o meglio, affaristico.
Senza contare tutti gli impianti eolici off shore, i gasdotti, i giochi di guerra della Nato, e gli eterodiretti comitati locali giostrati dai politicanti per i loro sporchi interessi.






Pubblicato da Gianni Lannes 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...