"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

giovedì 13 febbraio 2014

Eurogendfor: cosa potrebbe nascondersi dietro il corpo militare europeo

Eurogendfor: cosa potrebbe nascondersi dietro il corpo militare europeo

by tiziano bruni

Il 14 maggio del 2010, veniva convocata l’assemblea di Montecitorio per esprimersi sulla ratifica del “Trattato di Velsen”. I deputati presenti in aula furono 443. Votarono a favore del provvedimento 442 rappresentanti, con 1 astenuto. Il Parlamento si espresse pertanto all’unanimità. Poco più tardi, anche il Senato dava il suo parere favorevole. Sempre all’unanimità! Il 12 giugno dello stesso anno, il “Trattato di Velsen” entrava in vigore in Italia.
Ma cosa contemplava in concreto quel Trattato? Esso si proponeva come lo strumento necessario per dar vita a un
insolito organismo: la Forza di Gendarmeria Europea, conosciuta anche
comeEurogendfor o EGF, la quale viene ora a proporsi come il primo corpo militare dell’Unione Europea, e quindi con valenza sovranazionale. 
Sostanzialmente, si tratta di una forza di polizia dell’Unione Europea, alla quale appartengono, finora, la Francia, la Spagna, il Portogallo, l’Olanda e, naturalmente, l’Italia.
La gestione di questo super organismo di polizia è affidata a due istituti centrali: uno di natura politica e l’altro essenzialmente operativo. 
Al primo, appartengono i ministri degli esteri e della difesa dei paesi membri; il secondo, che ospita il quartier generale permanente della struttura, ha sede in Italia, precisamente a Vicenza.
La Gendarmeria Europea viene pertanto a configurarsi come una inquietante forza armata, con carattere sovranazionale e dotata della più assoluta autonomia, al punto da non rispondere a nessuno del proprio operato.
 Non ne risponde ai parlamenti nazionali, così come non ne risponde al parlamento europeo.

il suo unico interlucutore e' la BCE
I compiti assegnati dal Trattato a Eurogendfor sono assai ampi: vanno infatti dai compiti di pubblica sicurezza e dell’ordine pubblico, all’espletamento delle funzioni di polizia giudiziaria; al controllo, alla consulenza e alla supervisione della polizia locale, comprese le afferenze penali; alla direzione della pubblica sorveglianza; all’assolvimento delle operazioni di polizia di frontiera, oltre che alla acquisizione delle mansioni di intelligence.
Quel che preoccupa maggiormente di questa struttura, a dir poco “sui generis”, è la sua assoluta autonomia: sono inviolabili i suoi locali, i suoi beni e i suoi archivi, come sancito dagli articoli 21 e 22 del Trattato; le sue comunicazioni non sono intercettabili per nessun motivo, come recita l’articolo 23; non le compete l’indennizzo dei danni eventualmente arrecati alle proprietà e alle persone, come si legge nell’articolo 28; i gendarmi non possono essere messi sotto inchiesta dalla giustizia dei paesi ospitanti, come previsto dall’articolo 29, e tanto altro ancora. 
Tutto in stridente violazione delle più elementari norme del diritto internazionale.
In questa nuova e folle idea dell’Europa, la costituzione di un simile organismo desta non poche preoccupazioni.
 Assumendo la prerogativa della più assoluta autorità e prospettandosi impunibile e inviolabile, esso non somiglia tetramente e terribilmente alla Gestapo nazista più che a un normale corpo militare?
Uno tra i più preoccupanti interrogativi suscitati da una siffatta istituzione riguarda le autentiche ragioni che ne giustifichino la nascita.
 Quali interessi reali essa è effettivamente chiamata a tutelare? Inoltre: perché nessuno ne parla? 
E, ancor più: quando diventerà pienamente operativa? 
Forse quando i popoli sovrani, oberati dalle esose pretese economiche dei banchieri, proveranno a ribellarsi? 
Forse allora ne scopriremo il vero volto?


Fonte: http://www.agoravox.it/Eurogendfor-cosa-potrebbe.html

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...