"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

lunedì 3 febbraio 2014

Boldrini: Un gruppo di agenti contollerà la rete per conto del Presidente della Camera.

Boldrini: Un gruppo di agenti contollerà la rete per conto del Presidente della Camera.

Incredibili dichiarazioni del Presidente della Camera Laura Boldrini, in merito alle numerose minacce nei suoi confronti, da parte di alcuni siti web o blog: “Io sono minacciata di morte quotidianamente, non ho paura di queste persone ma dico basta all’anarchia sul web”.
Ma non è tutto, un gruppo di agenti monitorerà la rete per conto del Presidente della Camera. 
Ecco le sue dichiarazioni:
“Abbiamo due agenti della polizia postale, due, che lavorano alla Camera, distaccati qui a vigilare sulle moltissime violazioni di cui un luogo istituzionale come questo può essere oggetto.
 C’è stato il caso della parlamentare del Movimento Cinque
Stelle di cui è stata violata la posta personale. 
C’è il caso di una deputata oggi ministra che non ha più potuto accedere ai suoi social network e teme che a suo nome si possano divulgare messaggi non suoi. 
Poi ci sono le minacce di morte nei miei confronti. Tutte donne, lo dico come dato di cronaca. So bene che la questione del controllo del web è delicatissima. Non per questo non dobbiamo porcela.
Mi domando se sia giusto che una minaccia di morte che avviene in forma diretta, o attraverso una scritta sul muro sia considerata in modo diverso dalla stessa minaccia via web. Me lo domando, chiedo che si apra una discussione serena e seria. Se il web è vita reale, e lo è, se produce effetti reali, e li produce, allora non possiamo più considerare meno rilevante quel che accade in Rete rispetto a quel che succede per strada”.

Fonte: La Repubblica

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...