"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

giovedì 20 febbraio 2014

"F-35, basta un hacker per abbatterli"

"F-35, basta un hacker per abbatterli"


I velivoli prodotti da Lockheed Martin con la partecipazione dell'italiana Alenia Aermacchi (Finmeccanica) nelle vesti di fornitore di cassoni alari sono attaccabili dai pirati informatici
60 Minutes20 Febbraio 2014
Gli F-35 non passano una settimana senza finire nell'occhio del ciclone.
E' una delle più viste trasmissioni tv statunitensi a "sganciare la bomba".
Arriva un altro colpo per i cacciabombardieri F-35. I velivoli prodotti da Lockheed Martin con la partecipazione dell'italiana Alenia Aermacchi (Finmeccanica) nelle vesti di fornitore di cassoni alari sono attaccabili dai pirati informatici. Lo sostiene un servizio della celebre trasmissione televisiva americana "60 Minutes".
La vulnerabilità del velivolo da guerra del Pentagono sta, secondo il racconto del giornalista David Martin, nell'elmetto da 500.000 dollari che il pilota è chiamato a indossare e che gli permette di vedere a 360 gradi il mondo attorno a lui.
E' infatti parte di un sistema computerizzato complesso chiamato "Alis" il cui server di riferimento occupa una stanza grande quanto un container. Alis può per esempio forzare un F-35 a restare a terra se individua un problema al cacciabombardiere stesso. E l'intervento umano non può cambiare le cose decise da Alis.
L'idea è che gli hacker possono infiltrarsi nelle reti su cui dipende Alis e attaccare il software che di fatto determina la missione in corso. Insomma, stando a "60 Minutes", gli F-35 possono essere abbattuti senza nemmeno un colpo di arma da fuoco.

http://www.today.it/rassegna/rischi-sicurezza-f35-hacker.html

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...