"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

domenica 16 febbraio 2014

Alcune brevi considerazioni sull’avvicendarsi nel governo italiano

Alcune brevi considerazioni sull’avvicendarsi nel governo italiano

Non amo parlare di politica quindi sarò brevissimo.
Se qualcuno si sta chiedendo il perché di quello che sta succedendo nella politica italiana quello che segue potrebbe essere uno degli scenari possibili.
La Federal Reserve è in fallimento, quando fallirà si porterà dietro tutte le banche centrali del mondo.
 Fino ad ora hanno cercato di salvarla, ma senza successo. 
Ora siamo (forse) alle fasi finali.
Vari interessi e varie fazioni sono implicate nella vicenda…
Per quelli che non sono i maggiori azionisti quale potrebbe essere la mossa più giusta?
 Continuare a tenere la mano del malato moribondo o uscire dall’ospedale che sta crollando e salvare il salvabile?
La mia ipotesi è questa: massoneria, gesuiti, etc. non hanno più interesse a reggere la mano al morente hanno deciso di tirarsi fuori: in questo modo avranno le mani pulite o meglio, esse, pur putride, appariranno pulite a chi non conosce tutta la storia.
 Uscendo dal sistema finanziario attuale hanno la possibilità, una volta che questo sarà crollato definitivamente, di proporsi come gli artefici di un nuovo sistema che sarà ancora truffaldino per il popolo ma un po’ meno anche se ancora totalmente non trasparente. 
Come era successo un anno fa quando a papa Benedetto XVI successe papa Francesco, chi regge le redini del pianeta ha bisogno di mettere uomini nuovi al potere, uomini che, almeno all’apparenza, rappresentano il cambiamento. 
Letta non andava bene per questo perché aveva appena regalato più di sette miliardi alla banca d’Italia, inoltre è nipote di uno dei dirigenti di Goldman Sacks , una delle maggiori banche d’investimento del mondo e azionista di maggioranza della Federal Reserve.
Serviva un uomo nuovo e il giovane Matteo poteva fare proprio al caso loro: poteva essere l’uomo che denuncerà le nefandezze del sistema finanziario attuale e inaugurerà quello nuovo in modo da apparire come il salvatore del paese; così, secondo loro, potranno continuare allegramente ad ingannarci.
 Renzi infatti ha si, qualche legame con la massoneria , ma non con le banche, quindi agli occhi dei più sprovveduti potrebbe apparire pulito.
Ripeto: queste sono solo ipotesi, niente più, servono solo a spiegare un passo che altrimenti sembrerebbe senza senso: perché sostituire un servetto con un altro se il primo stava facendo egregiamente il proprio lavoro?
Vedremo….

http://ununiverso.altervista.org/blog/alcune-brevi-considerazioni-sullavvicendarsi-nel-governo-italiano/

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...