"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

sabato 18 gennaio 2014

Vittime di un Inganno

Vittime di un Inganno

Dal 1694 la Banca di Inghilterra fu autorizzata dal Re di allora a tenere presso di sé solo il 50% dei depositi. Prima di allora le banche dovevano avere tanti depositi pari alle ricevute di deposito circolanti
 Ogni 1.000 depositate potevano circolare soltanto 1.000 certificati di deposito.
Con una riserva del 100% la banca, quindi, non poteva fare credito in alcun modo, riducendo la riserva dal 100% al 50% la banca fu autorizzata a creare nuove ricevute senza esserci dietro copertura alcuna.
 In pratica con depositi di valore pari a 1.000 la banca fu autorizzata a fare credito per altri 1.000, in maniera da avere sempre depositi pari a 1.000, ma ricevute di deposito pari a 1.000 e nuove ricevute di credito per altri 1000. 
Adesso circolano 2.000 ricevute bancarie ma in banca ne restano soltanto e sempre 1.000 di depositi reali. 
Una riserva del 50% appunto.
L’astuzia di questi signori fu di realizzare le ricevute di deposito, dietro cui c’erano i soldi depositati, e le ricevute di credito ovvero i certificati dei prestiti fatti a terzi, dietro garanzia di qualche genere, della stessa medesima fattura.
 In tal modo chiunque si trovava in possesso di una ricevuta bancaria poteva chiederne il pagamento in banca.
Il fatto ulteriore che questi prestiti venissero fatti ad interesse comportava che, per poter essere ripagati, occorreva contrarre ulteriori debiti.
Per tenere in piedi questo gioco di sedie musicali (quello nel quale per continuare a giocare occorre trovare una sedia su cui sedersi quando termina la musica, ed ad ogni giro vengono eliminate una o più sedie) 
è stato necessario portare la riserva obbligatoria dal 50% del 1694 allo 0-1% attuale in 300 anni.
Il che vuol dire che in 300 anni il Sistema Bancario si è molto rafforzato acquisendo sempre più di titoli di proprietà reali in cambio di credito. 
Oggi alcune banche sono proprietarie di immensi patrimoni, senza aver dato nulla di reale in cambio.
Ma quanto può durare ancora questo gioco? 
Se dividete 1.000 per 50% (1000:0,50) avrete 2000, se dividete 1.000 per 1% avrete 100.000, se lo dividete per zero avrete infinito. 
Vuol dire che teoricamente la banca può prestare, a chi lo desideri ed abbia le adeguate garanzie, dei multipli dei depositi che potrebbero raggiungere un valore infinito, tanto oggi l’uso del contante è ridotto all’osso e poche persone preferiscono il contante alla “comodità” della moneta elettronica.
 Nessuno quindi corre il rischio di accorgersi che i depositi di danaro non esistono, se non in minima percentuale.
Recentemente la Grecia ha deciso un taglio di 15.000 dipendenti pubblici per far fronte ai propri problemi del debito. Adesso i dipendenti pubblici di qualsiasi nazione svolgono per antonomasia una attività improduttiva, quindi se l’obiettivo fosse stato quello di tagliare i costi improduttivi occorrerebbe licenziare tutti i dipendenti pubblici.
 Ma non è questo il punto.
Il punto è che il debito con le banche non è ripagabile perché è frutto di un inganno. 
Hanno prestato dei soldi che non esistono e ne hanno rilasciato ricevute di credito dietro cui non c’erano depositi reali.
 Ma le ricevute di credito adesso sono diventate quasi la totalità delle ricevute che circolano e ci accorgiamo che i debiti pregressi non possono essere ripagati perché il meccanismo della creazione del debito è fermo. 
Un debito vecchio si può pagare soltanto con un debito nuovo (a fronte di ulteriori garanzie).
 Ma se non paghiamo il debito pregresso, questo continua a crescere grazie al fenomeno della crescita esponenziale.
15.000 persone oggi dovranno arrangiarsi e vivere fuori dal Sistema, ma quello che stiamo vivendo è un gioco di sedie musicali, chi ne resterà fuori affronterà tutte le difficoltà del caso, ma se sopravvivesse sarà ancora più forte, perché libero.
Sembra impensabile oggi vivere senza gas, elettricità etc etc.
 ma le difficoltà cui andiamo incontro non sono dovute ad una carenza di energia, petrolio, cibo, bensì soltanto ad una carenza di nuove ricevute di credito necessarie per ripagare dei debiti pregressi ed ad un debito che cresce inesorabilmente e non occorre arrivare a sperimentare tante difficoltà prima di ribellarsi.
Nel 1922 una serie di cittadine tedesche iniziarono a rifiutare il Reichsmark quale moneta ed iniziarono ad adottare strumenti di scambio locali. 
Ciò permise loro di sopravvivere alla iperinflazione del Reichsmark e di prosperare.
Ma per prosperare, oltre a ribellarsi, occorre anche fare qualcosa di utile, a noi, ai nostri simili della nostra Comunità. Non servono più lavori statali o parastatali, occorre invece svolgere una qualsiasi attività che porti concreto beneficio produttivo alle persone intorno a noi.
Come sempre ricordo che siamo già Sovrani, soltanto che dobbiamo esercitare la nostra Sovranità in maniera diversa da quanto siamo stati abituati.
“Potete ingannare tutti per qualche tempo, o alcuni per tutto il tempo, ma non potete ingannare tutti tutto il tempo” Abramo Lincoln

Arnaldo Spicacci Minervini
http://www.signoraggio.it/vittime-di-un-inganno/

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...