"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

domenica 19 gennaio 2014

MANIFESTARE IL DISSENSO: L'EVOLUZIONE DELLA CIVILTA'

MANIFESTARE IL DISSENSO: L'EVOLUZIONE DELLA CIVILTA'

manifestare il proprio dissenso verso la sua classe governativa credo sia un sacrosanto diritto di ogni popolo, pero' credo anche che sia un luogo comune che lascia il tempo che trova e che serva piu' a incarnare a livello individuale un sentimento di eroismo nostalgico,che a perseguire e realizzare il reale obbiettivo
perche' oso dire questo?
 manifestare il dissenso , come gia' detto e' giusto, ma e' utile?
 ovvero produce gli scopi desiderati?
la risposta potrebbe e dovrebbe essere un si categorico, presupponendo che le forze governative siano sensibili a cosa pensa il popolo, visto che quest'ultimo dovrebbe essere l'unico e vero sovrano di un paese, e tutti i goveRnanti dovrebbero essere semplici dipendenti al servizio di esso, visto che i
mega stipendi provengono dalle tasse, e questa si chiamerebbe democrazia ossia governo del popolo al servizio del popolo.
pero' noi oggi stiamo vivendo in oligarchia mascherata da democrazia, ossia un governo dei pochi finalizzata al benessere degli stessi pochi, sulla pelle del popolo( i tanti), il quale si vede costretto a subire la volonta' dei pochi, e da qui e' naturale e sacrosanto che nasca un malessere espresso in manifestazione pubblica di dissenso.
sin qui tutto regolare e anche banale(si fa per dire), ma cosa accade quando il governo vede, prende atto che ci sono migliaia di persone che non sono d'accordo con le politiche attuate, pero' poi fa spallucce , sorride e si volta dall'altra parte sorridendo sotto i baffi, e come qualche ex premier recente quando rispose a un giornalista:" bene, manifestare e' un diritto, prendo atto che siamo ancora un paese civile" pero' il sorriso beffardo e il tono ironico con cui fu espressa questa frase, significava l'esatto contrario, ovvero" dimostrate pure, prendo atto di quello che dite, ma tanto non me ne importa nulla ,poveri illusi,comunque sia comando io".
E credo abbia ragione, perche' passata quella giornata o al limite un paio di giornate,tutto torna a posto, i manifestanti tornano alle loro case,orgogliosi di aver vestito i panni di rivoluzionario per un giorno e poter dire "io c'ero", i politici schierano la loro gloriosa macchina di repressione dell'ordine pubblico, i mercenari al servizio del potere sono contenti perche' spaccano a manganellate qualche testa in qua' e la, e i media ci vanno a nozze perche' hanno qualcosa sui cui speculare per fare i loro belli articoli infiocchettati e ricamati...... e poi ?
 passata una settimana per permettere ai media di far passare il messaggio come loro vogliono,tutto torna alla normalita' e nulla cambia.
ma....la storia insegna, o almeno dovrebbe, che quando la democrazia o comunque la forma di potere vigente in quel momento, non riesce a fornire risposte attraverso atti concreti alle manifestazioni di dissenso e quindi di malcontento dei popoli oppressi,quest'ultimi non hanno altra arma estrema che l'insurrezzione violenta e spazzare via tutti i vecchi apparati ed esponenti, per provare a iniziare un nuovo corso, che comunque sara' ciclico, perche' e' nella natura dell'essere umano stare attaccato al potere una volta raggiunto, ed e' sempre insito nell'animo umano usare il potere per raggiungere scopi di benessere personale,sino ad arrivare a situazioni estreme come quelle che stiamo vivendo oggi nel nostro paese, da qui quindi e' fondamentale che un popolo eserciti il suo ruolo di sorvegliante sui governi, ma e' ancora piu' fondamentale che un governo debba avere timore del proprio popolo, deve aver paura che esso possa trasformarsi in un fiume in piena e spazzare via tutto,  e...  ma  gia',... qui entra in ballo la violenza, gran brutta parola..  e gran brutto concetto , e nessuno ci tiene ad essere associato ad essa, perche' tutti quanti noi siamo esseri evoluti,persone rispettabili,persone intelligenti che nell'evoluzione ascenzionale dei nostri spiriti abbiamo imparato ad anteporre il potere della parola a quello della violenza, e poi ci sarebbero i media che in caso di violenza ci farebbero passare come i cattivi e perderemmo consensi a livello di immagine......... e forse tutte queste cose messe assieme sono anche vere, pero' allora dovremmo condannare tutti i nostri precedessori generazionali, i quali hanno combattuto e sono anche morti per degli ideali,senza ritorno di vantaggi economici o di immagine personali, sono morti e basta, perche' sentivano il bisogno di dare seguito a quella voce interiore che ogni essere umano sente dentro di se, che gli dice cosa e' giusto o sbagliato, e con il loro sacrificio hanno cercato di trasmette un mondo migliore ai propri figli, perche' altrimenti si sarebbero vergognati di non aver fatto nulla per le discendenze future, perche' forse erano esseri talmente primitivi che pensavano che essere uomini vuol dire anche e soprattutto pensare al futuro oltre la nostra stessa esistenza presente, e cercare di lasciare ai successori qualcosa di meglio di quello che loro avevano avuto, e noi?
noi cosa stiamo facendo pensando a che mondo lasceremo ai ns. figli?
probabilmente nulla........... gli insegneremo che tutto quello che conta e' mandare avanti qualche piccolo stupido, non esporci mai in prima persona,pensare alla ns. famiglia e in quanto agli " altri' morte sua vita mia" tutto quello che conta e' raggiungere una posizione di benessere personale che ci faccia primeggiare sui nostri simili, non fare nulla se non ti porta un vantaggio personale, dai amicizia solamente a chi ti puo' essere utile per il raggiungimento dei tuoi obbiettivi personali.....
TUTTO QUESTO PERCHE SIAMO ESSERI EVOLUTI E CIVILI,IL PROBLEMA E' CHE LO SANNO ANCHE LORO "LASSU' CHE RAGIONIAMO COME LORO CI HANNO INSEGNATO A FARE...
il seguito a un'altra volta...per il momento sono gia' stanco e disgustato cosi'--. saluti a tutti e offendetemi pure se vi fa stare meglio, i commenti sono aperti a tutti perche' siamo "civili"

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...