"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

giovedì 30 gennaio 2014

M5S presenta impeachment per Napolitano

M5S presenta impeachment per Napolitano

Sei le accuse. Capogruppo Santangelo: “messa in stato d’accusa del Presidente”.
ROMA (WSI) – Il MoVimento 5 Stelle faceva sul serio: stamattina ha presentato denuncia per la messa in stato d’accusa del presidente della Repubblica italiana”.
 Lo ha annunciato in aula il capogruppo m5s al senato, Vincenzo Maurizio Santangelo, chiedendo quindi una sospensione dell’Aula di due ore “per consentire al nostro gruppo di riunirsi” anche alla luce dei fatti di ieri alla Camera.
Mancato rinvio alle Camere di leggi incostituzionali; abuso del potere di grazia; grave interferenza nei procedimenti giudiziari relativi alla trattativa Stato-mafia: sono alcune tra le accuse al capo dello Stato che secondo i pentastellati giustificherebbero la messa in stato d’accusa per “attentato alla Costituzione”.
“L’escalation eversiva e squadrista dei 5 stelle non conosce limiti. 
Bloccano il parlamento, occupano le commissioni e ora vogliono colpire la figura garante della democrazia italiana che in questi anni, e ancora oggi, ha rappresentato e rappresenta il punto di riferimento centrale per la tenuta del nostro paese. 
È Evidente che si tratta di una iniziativa ridicola e inconsistente ma non per questo meno grave.
 Credo che tutta la politica e le istituzioni debbano dare una risposta adeguata a tutela della civiltà del confronto e della nostra vita democratica”. 
Così dice Walter Verini, capogruppo Pd in commissione Giustizia.
Rincara la dose il capogruppo alla Camera Speranza, secondo il quale “la richiesta di M5S di mettere sotto accusa il Capo dello Stato rappresenta un atto scellerato volto solo a far saltare le fondamenta del nostro sistema democratico”.
Il presidente Napolitano – aggiunge – è il cardine principale della tenuta della nostra democrazia, fedele custode e interprete dei principi sanciti dalla Carta costituzionale.
 Il comportamento violento messo in atto nelle ultime ore dai parlamentari di Grillo rappresenta il più triste esempio di sovvertimento di quelle regole che sono alla base delle nostre istituzioni. 
Il partito democratico si adopererà in ogni modo per difendere lo Stato di diritto”.
Sul blog di Beppe Grillo vengono spiegate in un post le ragioni della messa in stato d’accusa del presidente della Repubblica depositata oggi in entrambi i rami del Parlamento. 
Sei i capi d’accusa per Giorgio Napolitano.
“Il Presidente della Repubblica nell’esercizio delle sue funzioni, ha violato – sotto il profilo oggettivo e soggettivo, e con modalità formali ed informali – i valori, i principi e le supreme norme della Costituzione repubblicana – si legge -.
 Il compimento e l’omissione di atti e di fatti idonei ad impedire e a turbare l’attività degli organi costituzionali, imputabili ed ascrivibili all’operato del Presidente della Repubblica in carica, ha determinato una modifica sostanziale della forma di stato e di governo della Repubblica italiana, delineata nella Carta costituzionale vigente”.
Poi vengono elencati “i principali atti e fatti volti a configurare il reato di attentato alla Costituzione, di cui all’articolo 90 della Costituzione: espropriazione della funzione legislativa del Parlamento e abuso della decretazione d’urgenza; riforma della Costituzione e del sistema elettorale; mancato esercizio del potere di rinvio presidenziale; Seconda elezione del Presidente della Repubblica; improprio esercizio del potere di grazia; rapporto con la magistratura: Processo Stato – mafia”.
“Il Presidente della Repubblica in carica non sta svolgendo, dunque, il suo mandato, in armonia con i compiti e le funzioni assegnatigli dalla Costituzione e rinvenibili nei suoi supremi principi – si conclude -. 
Gli atti e i fatti summenzionati svelano la commissione di comportamenti sanzionabili, di natura dolosa, attraverso cui il Capo dello Stato ha non solo abusato dei suoi poteri e violato i suoi doveri ma, nei fatti, ha radicalmente alterato il sistema costituzionale repubblicano.
 Pertanto, ai sensi della Legge 5 giugno 1989, n. 219, è quanto mai opportuna la presente denuncia, volta alla messa in stato di accusa del Presidente della Repubblica per il reato di attentato alla Costituzione”.

(Agenzie)

Fonte: http://www.wallstreetitalia.com/article/1662257/politica/m5s-impeachment-per-napolitano.aspx
http://ununiverso.altervista.org/blog/m5s-presenta-impeachment-per-napolitano/

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...