"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

domenica 19 gennaio 2014

Africa: per vendicarsi della strage della sua famiglia , dà fuoco ad un uomo e lo mangia davanti a tutti

Africa: per vendicarsi della strage della sua famiglia , dà fuoco ad un uomo e lo mangia davanti a tutti

Parlare di arricchimento culturale dei migranti, soprattutto africani, verso l’Europa, a volte davvero difficile, come in questo caso. Il fatto è avvenuto nella Repubblica Centrafricana, dove un uomo ha dato alle fiamme un altro uomo sulla pubblica via e pii ha iniziato a mangiarlo, sotto gli occhi dei passanti, che hanno filmato la scena, ma nessuno è intervenuto.
Secondo la BBC, la vittima è stata trascinata fuori da un autobus, malconcia e poi accoltellata prima di essere data alle fiamme nella capitale Bangui.
 Uno dei suoi aggressori, Ouandja Magloire, conosciuto anche come “Mad dog” cane pazzo ha afferrato la gamba e poi ha cominciato a divorarlo in mezzo alla folla. 
Magloire ha spiegato il suo gesto come un atto di vendetta verso gli islamici, che gli hanno sterminato la famiglia. 
“Hanno sfondato la porta e fatto a pezzi il mio bambino.
 Ho promesso che avrei avuto la mia rivincita”, ha detto.
L’uomo ha preso di mira un bus, convinto che trasportasse musulmani, poi ha convinto una ventina di giovani cristiani a bloccare il mezzo. Secondo il Telegraph, non si tratterebbe di un caso isolato, più di una persona di è stata uccisa e poi mangiata durante le violenze etniche, negli ultimi giorni. Un operatore umanitario ha detto al giornale: “Stavano prendendo a colpi di machete le persone e bruciando i corpi per poi mangiarli”. La violenza etnica nella Repubblica Centrafricana (CAR) è divampata in seguito alle dimissioni del presidente Michel Djotodia, il primo musulmano a governare la nazione a maggioranza cristiana. Ad oggi ci sarebbero stati circa 1000 morti, trucidati con questa macabra modalità e fanno ritornare alla mente il famoso dittatore Jean Bedel Bokassa, che governò con il pugno di ferro tra il 1966 e il 1979.
Da queste storie è evidente che il cristianesimo africano non ha nulla a che fare con quello praticato in Europa o altri Paesi del mondo civilizzato: è più un culto a metà tra animismo e stregoneria che ha assorbito il cristianesimo come ‘mitologia’.

Fonte: www.piovegovernoladro.altervista.org

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...