"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino". GIUSEPPE DOSSETTI

Traduttore

venerdì 13 dicembre 2013

ECONOMIA E MONETA

ECONOMIA E MONETA

di Massimo Lodi Rizzini

ECONOMIA E MONETA

Col termine “monetarismo” viene definita quella pratica che pone al centro di tutto la moneta.
Col termine “economia” viene definita quella scienza che pone al centro di tutto l’essere umano.
Da circa 3000 anni, le oligarchie che di fatto controllano il potere, usano il sistema monetarista per creare schiavitù finanziaria (la finanza non è economia, in quanto la finanza ha come base la mera moneta ed il mero calcolo matematico).
Dette oligarchie controllano territori ed umanità tramite imperi, e sono queste forze che da sempre si oppongono al pieno sviluppo economico e sociale della società nel suo insieme.
Da un punto di vista tecnico, creare nuova ricchezza diffusa è molto semplice ed è stato dimostrato più volte attraverso fatti storici realmente accaduti.
Le condizioni che permettono agli esseri umani di poter migliorare le proprie condizioni di vita si ottengono principalmente dalla disponibilità di infrastrutture pubbliche, infrastrutture come vie di comunicazione, come il sistema sanitario, quello educativo, la giustizia e la sicurezza, la disponibilità di abbondante quantità e qualità di energia eccetera.
Compito di uno Stato sovrano è appunto quello di favorire e rendere possibili gli investimenti pubblici nell’economia della nazione, investimenti “fisici” ad alto tasso di capitale e di energia (capaci di aumentare la disponibilità di energia pro-capite e per Km2).
La grande battaglia per consentire ad uno Stato di agire in modo virtuoso e soprattutto di essere sovrano, è stata la Rivoluzione Americana che ha sancito, nella Costituzione e nella Dichiarazione di Indipendenza , la nascita della Banca Nazionale come istituzione unica autorizzata a monetizzare il credito (credito pubblico da destinarsi allo sviluppo infrastrutturale) ordinato dal Congresso (rappresentanti del popolo).
Il sistema funziona egregiamente, tanto che ha permesso ad una povera colonia rapinata ed oppressa dall’impero britannico di trasformarsi in breve tempo in una Nazione libera e ricca, come dimostrato dal lavoro di Alexander Hamilton (dal 1789, 147 anni prima del “lavoro” di JM Keynes), e dall’opera dei Presidenti JQ Adams, A Lincoln e in seguito da FD Roosevelt e da JF Kennedy.
Pertanto, come dicevo, tecnicamente e storicamente si sa bene come creare ricchezza (fisica), come aumentare benessere e diritti dei cittadini, e come sviluppare altre nazioni attraverso investimenti infrastrutturali.
In tutto questo la moneta non è altro che un mero mezzo di rapporto, un medium tra precisi princip i fisici che vengono fatti propri dall’umanità ed usati per il miglioramento della società in generale.
Le teorie monetarie non tengono in nessun conto la realtà politica ed economia che il mondo sta attraversando.
L’oligarchia che ancora domina non lascerà MAI partire politiche economiche capaci di mettere in pericolo la propria esistenza ed il proprio “diritto” di governare sul popolo bue.
Nelle teorie monetaristiche, l’umanità non è mai stata presa in considerazione se non come mero soggetto funzionale a far quadrare i conticini ed elaborazioni matematiche, mai queste si sono spinte a dichiarare fondamentale il diritto degli esseri umani di esistere e di venire protetti da uno Stato che li protegga dagli sfruttamenti esistenziali a vantaggio di pochi, la piena occupazione sotto gli imperi e sotto le dittature è sempre esistita, ma l’umanità non ha affatto tratto beneficio da quel la situazione!
In sostanza, le teorie monetaristiche non riconoscono il NEMICO dell’umanità e pertanto non potranno mai affrontarlo, combatterlo e vincerlo. Anzi, l’impero dominante è quello che ha avuto tra i suoi funzionari ed ideologhi proprio i “fondatori” e gli “ispiratori” di teorie monetaristiche : lo furono JM Keynes appunto e Abba Lerner, entrambi ammiratori (e difensori) del regime nazista e delle sue politiche monetariste (elogi al banchiere nazista H. Schacht condannato nei processi di Norimberga per genocidio).
In sostanza, le teorie monetaristiche, non riconoscono l’esistenza del pericolo mortale per l’umanità, quella bolla speculativa che ad oggi “vale” oltre 20 volte il PIL mondiale, bolla che sta drenando tutte le ricchezze disponibili, beni materiali (infrastrutture), diritti umani preda di iperinflazione (valgono sempre meno) e anche la ricchezza monetaria e finanziaria, vedi il nuovo schema che verrà imposto e conosciuto come “bail-in”, ovvero il furto delle ricchezze dei privati depositate nelle banche in fallimento.
Il piano dell’oligarchia che si sta compiendo è chiaro: inondare di ingente liquidità il sistema finanziario internazionale per provocare una vera e propria iperinflazione globale, tale da richiedere l’eliminazione del contante ormai privo di ogni valore e la sua sostituzione con una nuova forma di valuta in quantità estremamente limitata e soprattutto posseduta dalle poche elites dominanti. 
Questa, in sintesi, è la realtà, questi sono i movimenti in essere in questo periodo, di fronte a questa politiche di autentico genocidio occorre battersi contro gli ideatori e gli esecutori di questo piano diabolico che già sta distruggendo l’esistenza di decine di milioni di esseri umani nella sola Europa delle colonie, nessuna forza politic a e soprattutto nessuna teoria potrà mai avere la benché minima possibilità di realizzazione e di riuscita se non si resta ben ancorati alla realtà e soprattutto se non si dispone di un preciso piano per distruggere il nemico, ora più che mai rappresentato dall’oligarchia finanziaria, monetarista, usuraia e speculativa.
- Massimo Lodi Rizzini -


COMITATO DI LIBERAZIONE NAZIONALE

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...